Recensione
Redazione, Mate pristem - Bocconi, 01/02/2011

Il miracolo scippato

Questo libro racconta, in modo molto documentato e con tono avvincente (quasi da libro giallo) quattro storie ambientate agli inizi degli anni Sessanta, il culmine del cosiddetto miracolo economico. Infatti nei primi anni Sessanta, appena quindici anni dopo il termine della seconda guerra mondiale dalla quale usciva sconfitta e distrutta, l'Italia era riuscita a realizzare alcuni poli di eccellenza scientifico-tecnologici che il mondo le invidiava, proprio nei settori più avanzati e strategici: informatico, petrolifero-ingegneristico, nucleare, biomedico. Poi nel giro di pochi anni il caso Olivetti, il caso Mattei, il caso Ippolito e il caso Marotta, hanno provocato il rapido declino, fino all'estinzione, dei frutti della rivoluzione informatica italiana (che aveva portato alla progettazione del primo pc e dei primi microprocessori del mondo); dell'autonomia energetica del paese, che si stava realizzando grazie all'instancabile e coraggiosa opera di Mattei; delle ricerche in campo nucleare, che grazie al Cnen diretto da Felice Ippolito aveva collocato l'Italia al terzo posto mondiale per la produzione di energia elettrica di origine nucleare; dell'Istituto superiore di sanità, che aveva fatto dell'Italia uno dei primi tre produttori di penicillina e il Paese in cui venivano a fare ricerca i premi Nobel stranieri per la medicina. Quattro incubatrici di un modello di sviluppo economico e sociale basato sulla ricerca scientifica, gettate alle ortiche tra le faide politiche interne e le pressioni e i sabotaggi internazionali in piena guerra fredda. Attraverso la cronaca, la stampa, la letteratura, e una serie di interviste a testimoni diretti e a esperti, il libro offre un angolo visuale tutto nuovo da cui guardare alle radici del declino attuale.