Recensione
Mara Pace, La Stampa, 02/06/2014

Animali, dalla scienza all'avventura

Quante domande può fare un bambino sul mondo animale? La curiosità dei più piccoli dav anti a mammiferi, pesci e uccelli è a dir poco inesauribile e può essere nutrita in molti modi: dando v oce alla scienza, disegnando, raccontando storie più o meno fantastiche. Perché il cane ha il naso bagnato? (trad. di Valeria Ponciroli, Electa Kids, 201 4, 32 pagine, 1 2,90 euro, da 4 anni) di Kenneth Stev en, che v ince il Premio Andersen 201 4 per il miglior titolo 6/9 anni, parte da un punto interrogativ o che sembra pretendere una risposta scientifica, e dà inv ece inizio a una div ertente riscrittura della storia biblica dell’Arca di Noè. Una storia che, oltre a spiegare (in modo del tutto imprev edibile e buffo) l’origine del naso bagnato, narra l’inizio dell’amicizia tra uomo e cane. Le illustrazioni di Øy v ind Torseter non si accontentano di seguire il già fantasioso testo dell’autore: lo prendono come punto di partenza per immaginare la v ita degli altri animali sull’Arca, creando piccoli episodi paralleli che l’occhio attento del lettore-bambino potrà scoprire perdendosi nelle grandi tav ole a colori (dov e trov a spazio anche l’uso del fumetto), tra ippopotami che giocano a carte ed elefanti ballerini. Un libro dav v ero pieno di sorprese, la cui riuscita dev e molto alla felice collaborazione tra chi scriv e e chi disegna. Qui trov ate i v ideo-ringraziamenti dell’illustratore Øy v ind Torseter inv iati alla riv ista Andersen all’indomani della notizia del premio. Gli animali popolano anche la campagna narrata da Marcel Ay mé, nei cui racconti lo sguardo dei bambini trasforma l’ambiente circostante, in apparenza sempre uguale a se stesso, in una terra d’av v enture, dov e la noia è bandita (a costo di affrontare ogni sera le punizioni dei grandi). La raccolta, un classico della letteratura per ragazzi francese, è arriv ata in Italia quasi dieci anni fa ( Storie del gatto sornione, illustrazioni originali di Nathalie Parain, Donzelli, 292 pag, 23,90 euro, da 5 anni) ed è ora disponibile anche in edizione economica. Il libro blu delle storie del gatto (201 4, 1 52 pp, 1 4 euro), dov e ritrov iamo la prima metà di questi fiabeschi racconti, si presta a una lettura autonoma da parte dei lettori più giov ani. Ma anche a una lettura condiv isa con gli adulti: è quasi inev itabile, infatti, prov are il desiderio di dare v oce alla scrittura di Marcel Ay mé, alle av v enture delle due sorelline Delphine e Marinette e degli animali che v iv ono loro accanto. A differenza dei genitori, presi dal lav oro e sempre pronti a imporre regole (ma anche a commuov ersi per il canto di un cigno), le due bambine sanno parlare con gli animali, e coinv olgono nei loro giochi gatti, anatre e galline. Non hanno paura nemmeno del lupo: preferiscono essere div orate (e poi, naturalmente, salv ate), piuttosto che perdere l’occasione di trascorrere qualche ora in compagnia della creatura più temuta del regno animale…