Recensione
Redazione, ANSA.Med, 06/05/2014

Libri. E' tutta colpa dell'Europa

Euroscettici e euro critici troveranno pane per i loro denti: 56 vignette satiriche per raccontare un'altra Unione europea, facendo luce su di una storia spesso ignorata. Esce per Donzelli E' tutta colpa dell'Europa, (pp.117, euro 17) di Thierry Vissol, funzionario della Commissione europea dal 1980 e attualmente consigliere speciale per i media alla Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Se tutto va male - crisi economica, crisi democratica e del sistema Paese - il parafulmine è sempre lo stesso: l'Europa. Il Vecchio continente, si legge nella presentazione al volume, sta vivendo una trasformazione radicale, che mette in discussione la sua centralità in un mondo multipolare. L'età media dei cittadini è sempre più elevata, le risorse e le materie prime sono scarse, lo scenario è quello di una dipendenza energetica dagli altri Stati: un quadro destabilizzante per le democrazie europee. Spesso intrappolata nei suoi trattati l'Ue pare incapace di far fronte alle molteplici sfide che la attendono. Eppure secondo l'autore, l'Europa soffre di tre grandi malattie: la mancanza di memoria, la complessità delle sue istituzioni e dei meccanismi che le regolano e la confusione che ne deriva. Sulla base di questa diagnosi e con il supporto delle più belle vignette sull'Europa pubblicate negli ultimi anni e non solo, Vissol porta alla luce una verità più profonda, svelando che forse, in fondo, non è proprio tutta colpa dell'Europa