Recensione
Daniel Cohn-Bendit, La Repubblica, 24/02/2014

Bobbio vent'anni dopo. Cosa rimane oggi di destra e sinistra

Sono passati vent'anni dalla pubblicazione di Destra e Sinistra. Due decenni, segnati da sommovimenti profondi. L'Unione europea si dibatte in una crisi pluridimensionale di portata eccezionale. "Per la prima volta nella loro storia gli europei sperimentano la finitezza dell'Europa". Così si esprime il socilogo Ulriche Beck nel suo ultimo libro, Europa tedesca. Cambiamenti di eguale portata si sono prodotti sulla scena internazionale. Tra questi ultimi, le rivoluzioni inauguratesi nel 2010 contro l'autoritarismo e la corruzione delle classi dirigenti del mondo arabo. Insieme con esse, sono letteralmente andate in pezzi le strategie opportunistiche dell'Occidente a sostegno di regimi non-democratici- strategie promosse dalla sinistra come dalla destra, in nome della stabilità. Questa messa in scacco del cinismo politico dei partiti al potere - in Occidente , in Africa e in Medio Oriente - ha contemporaneamente messo in rilievo un altro fenomeno. Quello di un "progresso civile" irreversibile, anche se "non necessitato", per riprendere i termini di Bobbio. Se la transizione resta altamente problematica per i paesi della "primavera araba", ciò non impedisce che queste rivolte abbiano per orizzonte comune la democrazia. E' in nome della dignità umana che la resistenza è continuata nonostante la violenza della repressione. E' in ragione dei valori democrtici che la spartizione diseguale delle ricchezze è diventata sempre più intollerabile per queste società oppresse. Detto in altro modo, le rivolte emancipatrici che scoppiano nelle più diverse parti del mondo mostrano tutte le volte che la democrazia non è un'avventura qualsiasi. Il suo manifestarsi , e i valori su cui si fonda, anche se storicamente e geograficamente definiti, hanno una portata universale. I diritti dell'uomo e lo Stato di diritto democratico fanno ormai parte del "patrimonio comune dell'umanità". La logica democratica è una "logica di libertà". Detto altrimenti, anche se non risponde a una logica di causa-effetto- caratterizzata com'è dalla sua fragilità intrinseca e dalla possibilità di regressione - la sua stessa messa in moto introduce una coerenza nella storia umana tale per cui le sue sequenze non sono intercambiabili. Il nostro patrimonio democratico trae la sua forza dalla possibilità di essere riattivato in ogni istante, in qualunque parte del mondo, da un qualunque infividuo appartenente alla comunità umana. Questa idea di progresso e di una crescente consapevolezza di una eguale dignità umana si ritrova a più riprese, sotto la penna di Bobbio. La si trova, in particolare, in una passaggio come questo:"La spinta verso una sempre maggiore eguaglianza fra gli uomini è irresistibile. Ogni superamento di questa o quella discriminazione rappresenta una tappa, certo non necessaria, ma almeno possibile, del processo di incivilimento. Ma come nella nostra epoca sono state messe in discussione le tre fonti principali di diseguaglianza: la classe, la razza e il sesso. La graduale parificazione delle donne agli uomini è uno dei segni più certi dell'inarrestabile cammino del genere umano verso l'eguaglianza (...) Di fatto, la battaglia democratica è lungi dall'essere conclusa. Non soltanto perché la democrazia non è il solo tipo di regime che esista al mondo, ma anche perché i nostri Stati di diritto democratici sono lontani dal garantire l'effettivo rispetto dei diritti dell'uomo, persino all'interno dell'Unione europea. Alcuni pretendono che il progetto democratico europeo si sarebbe esaurito. Le aspirazioni degli uni e le disillusioni degli altri ci dicono il contrario. E se si è insediata la stanchezza europea, ciò dipende forse innanzitutto dal fatto che la classe politica europea - di destra e di sinistra - non è stata all'altezza dell'esigenza democratica che caratterizza il progetto politico dell'Unione europea. Invece di assumere come indispensabile la mutazione del loro patrimonio politico, i leadere delle nazioni europee si sono votati all'impotenza, in un mondo in cui l'economia, la finanza, i media....funzionano ormai a scala planetaria. Un'impotenza che certe nazioni, nei loro sogni più folli, immaginano di poter combattere da sole. A forza di rifiutare di impegnarsi insieme nella democratizzazione della globalizzazione, e nella realizzazione della democrazia europea, i leader degli Stati si sono assuefatti a una tolleranza di fronte all'ingiustizia , all'interno dell'Unione europea e ancor più al di fuori delle sue frontiere. I malfunzionamenti democratici, non solo al livello istituzionale, ma soprattutto nella realtà quotidiana, costituiscono senza alcun dubbio un ingrediente fondamentale della crisi simbolica acuta che incancrenisce il nostro continente. Questa crisi attiene al registro specificamente identitario e deve essere presa molto sul serio. Io sono convinto che la sua risoluzione passa tra le altre cose attraverso la spiegazione del significato del "politico". E ciò impone di esporsi pubblicamente attraverso un progetto impegnativo per le società e per gli individui che le compongono. Il progetto politico si determina senza alcun dubbio a partire da una visione del mondo. Ma esso è anche un qualche cosa in cui ciascuno deve potersi riconoscere per appropriarsene veramente. In questo senso, esso funziona come uno "stabilizzatore identitario" che non necessariamente è sinonimo di particolarismo o di regresso. Quella che si suole chiamare la "crisi di legittimità" che investe l'ordine politico delle nostre democrazie liberali ha dei legami evidenti con la crisi identitaria europea.Ed è assai spiacevole che i partiti politici, quale che sia il loro orientamento, abbiano preso l'abitudine di puntare il dito sulla crisi di legittimità europea, quando quest'ultima è in qualche modo null'altro che un'amplificazione della crisi di legittimità che già da tempo ha eroso l'ordine politico nazionale. Si tratta di una rottura socio-politica che concerne i sistemi politici moderni in generale. Detto in altro modo, la sfida si situa su un terreno più grande: quello del valore della politica e della fiducia nei confronti delle istituzioni democratiche rappresentative, vale a dire della classe politica tout court. Ora, questa fiducia si basa sulla qualità della performance del processo di identificazione in generale. E' così che le chiusure identitarie - le quali possono raggiungere proporzioni deliranti- si possono interpretare come altrettante lacune nel processo di identificazione, considerato nel suo insieme. Se questo libro di Bobbio rimane attuale, non è tanto in ragione degli argomenti che sviluppa, ma soprattutto per ciò che esprime: un bisogno di ritrovare il senso della politica.