Recensione
Fiorella Iannucci, Il Messaggero, 15/12/2012

La bambina con le fiabe cucite

Cucire, ricamare, riannodare. Raccontare storie è proprio questo. Non a caso da sempre sono state soprattutto le donne a tramandare le fiabe. Ce lo ricordano Mattia e Facchini in questo albo elegantissimo, dove è una bambina innamorata delle storie, Silva, a ricorrere proprio a una sarta per raccogliere le favole. Con un gomitolo di corti fili persi, riannodati, la bambina realizza una rete da gettare per la sua pesca affabulatoria. Poi trascrive le storie su pagine di tela e le cuce fino a farne un libro da leggere insieme. Ma c’è sempre chi teme le favole che «fanno troppo pensare»... Il valore aggiunto della storia sono le tavole di Vittoria Facchini:matassine, forbici e disegni a matita, per non perderemai il filo.