Recensione
Ste. P., La Repubblica, 08/06/2012

Fondazione Crc, un libro fa luce su 2 anni di lotte

Ai vertici della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo è in atto una lotta che dura da due anni. L'ente cuneese possiede il 25% della Banca regionale europea e il 2,23% del gruppo Ubi e il suo presidente Ezio Falco è da mesi nell'occhio del ciclone. A fare luce sulla vicenda ci prova un libro , "Le mani sulla banca", scritto da Carlo Benigni ed edito da Donzelli. E' una storia vista "da dentro" perché l'autore si è preoccupato delle relazioni esterne della Bre fino all'anno scorso. Inizia nel marzo del 2010, quando la fondazione Crc sfiducia Piero Bertolotto, presidente della Bre e consigliere di Ubi. Poco dopo - racconta Benigni - si scopre che Falco è titolare di un'azienda in difficoltà e che per ricapitalizzarla si è fatto aiutare da Gian Luigi Gola, presidente del collegio sindacale della Fondazione. Ed è proprio Gola a prendere il posto di Bortolotto nel consiglio di gestione Ubi, su indicazione della Fondazione. Falco viene accusato di scarsa eticità, ma la città si schiera al suo fianco. E lui rimane al suo posto. Dunque, si domanda Benigni, "qual è il rapporto corretto tra una Fondazione e la banca di cui è azionista?". L'autore ne discute oggi alle 17,30 al Circolo della Stampa con David Lane, corrispondente in Italia di The Economist.