Recensione
Michele Turazza, Polizia e democrazia, 01/10/2011

Attacco alla libertà e ai diritti

"E così al degradarsi dei diritti si accompagnano la perdita della dignità, la corruzione del clima civile, la rivelazione della pochezza culturale": sta parlando del fascismo, Stefano Rodotà, ma l'amara considerazione gode purtroppo di una certa attualità. Dal 1861 al 2011, l'Autore ripercorre la storia del nostro paese attraverso l'analisi delle fasi storiche che hanno portato all'affermazione , prima, e all'indebolimento, poi, del sistema complessivo dei diritti e delle libertà, soffermandosi sui sempre più frequenti attacchi alla magistratura da parte della politica, e sul nesso tra riconoscimento dei diritti fondamentali e condizioni istituzionali e materiali per la loro effettiva realizzazione. Forze politiche, sociali e religiose sembrano sempre più spesso non tener conto dell'esistenza della Costituzione, quando invece soltanto un ritorno ad essa potrebbe costituire il punto di svolta.