Recensione
Redazione, www.napolimisteriosa.it, 30/11/2011

Un luogo dell'anima americana

"Il tempo giusto per visitare questo posto è durante una tempesta d'autunno o d'inverno; un faro o una baracca di pescatori sono l'alloggio migliore. Un uomo può starsene lì e gettarsi tutta l'America dietro le spalle".

Tra il 1849 e il 1855 Thoreau fece tre viaggi attraverso la penisola del Massachussets e, come sempre, annotò ogno coasa nei suoi diari. Poi, per qualche anno, se ne andò in giro a raccontare luoghi e uomini di quell'esile lingua di sabbia in bilico sull'Atalmtico che è Cape Cod, in una serie di conferenze rimaste memorabili per fascinazione e humour. Da queste esperienze, in cammino lungo il braccio di terra che protegge la baia, nasce il volune dedicato a Cape Cod, qui presentato nella traduzione di Riccardo Duranti e arricchito dai suggestivi dipinti di un insuperato maestro dell'arte americana, Edward Hopper. Dalle solitudine dell'oceano a quelle sabbiose dei deserti interni, dai resti dei ricorrenti e leggendari naufragi ai villaggi rimasti arroccati all'epoca dei Padri Pellegrini, le pagine di Thoreau, sostenute da una prosa fluida, brillante e spesso impietosa, passano rapidamente dallo stile del diario a quello polemico , dalla storia naturale alla satira, dalla riflessione esistenziale alla parodia. La sublime bellezza dell'oceano e la titanica indifferenza della natura di fronte all'affannoso agire umano suscitano in Thoreau ammirazione e al contempo sconcerto, e danno vita a un repertorio di meditazioni di straordinaria potenza evocativa.Mare, slsedine, vento, fari barche di pescatori, cetacei spiaggiati: non c'è aspetto della penisola che Thoreau non abbia passato al setaccio, come i granelli di sabbia che gli "riempivano le scarpe". Quel braccio di terra nudo e piegato, esposto alla voracità dell'oceano e delle correnti, è dunque una sorta di avamposto da cui osservare l'America gettando lo sguardo al di là di essa.

Henry David Thoreau (1817-1862), maestro riconosciuto, insieme al suo amico Ralph Waldo Emerson, del cosiddetto "Rinascimento americano", trascorse tutta l'sistenza nella quieta Concord, una sorta di pianeta della mente che popola nache i suoi Diari. Divenuto nel Novecento icona del pensiero ambientalista e pacifista ante litteram, è autore del popolarissimo Walden (Donzelli 2005). Di Thoreau Donzelli ha pubblicato anche "L'agire del mondo"(2008) e "Se trmi sull'orlo"(2010)