Recensione
Armando Torno, Corriere della Sera, 08/10/2011

Il dubbio e la fede, la scommessa di Ravasi

Il Cortile dei Gentili ritorna in un autunno ricco di incontri. Innanzitutto con l'appuntamento di Bucarest l'11 e il 12 ottobre. Il cardinale Gianfranco Ravasi, in visita in Romania come ministro della cultura del Vaticano, oltre i colloqui e dibattiti previsti riceverà un dottorato honoris causa all'università della capitale rumena. Alla sua lectio magistralis seguirà un dialogo con il fisico e filosofo Horia-Roman Patapievici. E poi, il 12, vi saranno cinque interventi di intellettuali rumeni sull'argomento «Umanesimo e spiritualità». Il sottotitolo di queste relazioni è una domanda stimolante: «È possibile un dialogo sulla trascendenza?». Ravasi ci confida: «Ho intenzione a Bucarest di intervenire in questi grandi eventi su Cioran e Ionesco, figure ideali di un agnosticismo o ateismo segnato profondamente dalla domanda». Si sofferma su una frase di Cioran: «Mi sono sempre aggirato attorno a Dio come un delatore. Incapace di invocarlo, l'ho spiato». E precisa: «Vorrei presentare la figura di colui che si aggira attorno al cortile dei credenti e ne cerca quasi il centro. Anche se in un altro suo testo giunge al paradosso secondo cui "il nome di Dio è il Nulla, cioè Tutto". Lui per tutta la vita quell'opera di spionaggio l'ha condotta». Inoltre, dicevamo, Ionesco. Il cardinale aggiunge: «Lo presenterei cominciando da una dichiarazione che ha fatto in una intervista. Questa: "Ogni volta che il telefono suona mi precipito nella speranza, ogni volta delusa, che possa essere Dio che mi telefona. O almeno uno dei suoi angeli di segreteria". In lui c'era continuamente la speranza di una epifania del divino. E poco prima della morte, alla fine del suo Diario, nell'ultima riga c'è una frase folgorante. È la risposta a quell'attesa: "Pregare Non So Chi. Spero: Gesù Cristo"». Si ritorna con il Cortile dei Gentili a Firenze, il 17 ottobre. È una tappa obbligatoria di questo progetto. Del resto, sulle rive dell'Arno si realizzò un miracolo culturale, all'epoca di Lorenzo il Magnifico, che è paragonato a quello che avvenne nell'Atene di Pericle. In Palazzo Vecchio, nel Salone dei Cinquecento, Antonio Paolucci, Moni Ovadia, Sergio Givone, Erri De Luca, Antonio Natali e, ovviamente, il cardinal Ravasi, parleranno di «Umanesimo e bellezza ieri e oggi». Sua eminenza ricorda la caratteristica di tale incontro: «L'impegno principale che vorrei realizzare tra arte e fede è il ritrovare la loro radicale sororità, secondo la convinzione espressa da Paul Klee: "L'arte non rappresenta il visibile, ma l'Invisibile che si cela nel visibile"». E dopo una breve pausa il porporato precisa: «Questa è anche la meta della fede». Il 26 ottobre, il giorno precedente l'incontro di Assisi tra il Papa e i rappresentanti delle grandi religioni (al quale sono invitati anche dei non credenti, siano essi atei e agnostici) il Cortile dei Gentili organizza una tavola rotonda all'Università di Roma Tre con Giacomo Marramao. Il tema è legato all'iniziativa del Pontefice. Per tale motivo si risponderà alla domanda: «Perché gli atei hanno accettato l'invito del Papa?». Interverranno Julia Kristeva, Remo Bodei, il filosofo messicano Guillermo Hurtado, Anthony Graylings (dell'Accademia Reale inglese), Walter Baier (che ha avuto incarichi nel mondo comunista) oltre al cardinale Ravasi. Il giorno 27 i relatori del Cortile dei Gentili «preparatorio» parteciperanno alla giornata con Benedetto XVI. Quest'anno gli incontri interreligiosi di Assisi compiono il loro venticinquesimo. Con il tempo sono cresciuti, anzi rappresentano ormai un riferimento non soltanto per il mondo della fede. Il titolo scelto per il 2011 è «Pellegrini della verità, pellegrini della pace». Il 14 e il 15 novembre sarà la volta di Tirana, ovvero l'inizio di un dialogo con l'Albania. Il Cortile dei Gentili comincerà la sera sul sagrato della cattedrale — un po' come si era fatto lo scorso marzo a Notre Dame a Parigi — e affronterà tre temi: «Lavoro», «Spiritualità», «Informazione e comunicazione». Le relazioni, il giorno seguente, si terranno all'Università statale di Tirana e nel pomeriggio in un ateneo privato, l'Università Europea. Tra i nomi non mancheranno lo scrittore Ismail Kadare e l'accademico e scienziato Luan Omari. Ai quali va aggiunto anche uno specialista di storia religiosa, oltre che deputato al parlamento: Mark Marku. Ravasi riassume il senso dell'incontro: «Ho accettato l'invito che giungeva direttamente dall'Albania per una ragione storica: in epoca moderna questa nazione rappresenta probabilmente l'unico Stato che poneva l'ateismo come articolo fondante della Costituzione. La richiesta è venuta dal docente di ateismo dell'Università di Tirana. Il quale insegna ancora questa materia, ma egli è cattolico e teologo». Che dire? Anche nei Paesi dell'ex blocco comunista casi del genere non sono eccezionali. Ravasi precisa a tale proposito: «Avendo continuamente contatti con persone che ignorano o rifiutano la fede, rimango sempre più convinto della dichiarazione dello scrittore francese Pierre Reverdy, il quale affermava: "Ci sono atei di una asprezza feroce che, tutto sommato, si interessano di Dio molto più di certi credenti frivoli e leggeri"». Ci accommiatiamo da sua eminenza mentre proferisce un'ultima frase, che sarà anch'essa oggetto di riflessione. È di Giorgio Caproni: «Mio Dio perché non esisti? A furia di insistere, cerca di esistere».