Recensione
di Mauro Geraci, Il Messaggero, 24/02/1998

Nacque dal barocco la febbre del lotto