Recensione
Giovanni Scirocco, L'Indice, 01/06/2011

Esiste la classe nazionale?

E' il nono titolo della collana "Gli essenziali" della casa editrice Donzelli, brevi antologie d'autore. In questo volume sono stai raccolti testi relativi al Risorgimento e all'Unità d'Italia tratti dai Quaderni scritti in carcere da Gramsci tra il 1929 e il 1935, uniti a una breve scelta di articoli giovanile (sui cattolici, il nuovo stato unitario, le differenze tra Giolitti e Cavour). Sono brani noti, ma sui quali è sempre utile tornare. L'introduzione è a cura dello stesso editore, Carmine Donzelli, che spiega bene come le note di Gramsci sul tema abbiano quale oggetto il tentativo di comprendere i complessi motivi del fallimento del Partito d'Azione e la vitotria dei moderati. La risposta Gramsci la trova , attraverso l'analisi delle forze sociali ed economiche, nella capacità di Cavour di creare egemonia, di rappresentare un gruppo sociale e di esserne l'avanguardia anche grazie alle strutture statuali sabaude. La debolezza della borghesia e le strutture economiche del nuovo stato furono causa quasi inevitabile del compromesso tra le classi dirigenti, del trasformismo e, in definitiva, dello stesso fascismo:"In tali condizioni è stata ridotta la nazione italiana dalla classe borghese, che in ogni sua attività tende solo ad accumulare profitto. L'Italia è psicologicamente nelle stesse condizioni di prima del '59: ma non è più la classe borghese che oggi ha interessi unitari in economia e in politica (...)Oggi la classe "nazionale" è il proletariato, è la moltitudine degli operai e dei lavoratori italiani, che non possono permettere il disgregamento della nazione, perchè la unità dello Stato è la forma dell'organismo di produzione e di scambio costruito dal lavoro italiano" (L'Unità nazionale, "L'Ordine Nuovo", 4 ottobre 1919). 2011, centocinquantesimo anniversario dell'Unità. Qual è la "classe nazionale"?Esiste?