Recensione
Lucio Caracciolo, La Repubblica, 14/05/2011

Ridisegnando l'Africa dopo le rivoluzioni

Quando la storia prende a correre, è difficile tentare di interpretarla. E' il caso di quanto accade nel Sud del Mediterraneo, che in pochi mesi ha visto scoppiare due rivoluzioni, peraltro incompiute (Tunisia ed Egitto), una guerra (Libia) e varie manifestazioni di protesta contro regimi apparentemente consolidati. Per sfuggire alla prigionia della cronaca, conviene perciò leggere il volume collettaneo "L'Africa mediterranea. Storia e futuro", curato per Donzelli da Karim Mezran, Silvia Colombo e Saskia van Genuten. Un quadro di tutta la regione, dal Marocco all'Egitto, opera di specialisti che hanno dovuto rivedere tesi radicate, con umiltà e intelligenza. Il pregio principale di questo volume sta nella scelta dello scavo storico. Quasi un'archeologia del Nord Africa, nel senso foucaultinao del termine. Solo scrutando in profondità nelle società e nelle culture locali riusciamo infatti a tratteggiare un affresco credibile di ciò che ogni giorno accade sotto i nostri occhi. Un manuale utilissimo, dunque, per capire come cambierà la nostra periferia più turbolenta. E di conseguenza come cambieremo noi.