Responsive image

Le sfide del cambiamento

I sistemi produttivi nell'Italia e nel Mezzogiorno d'oggi

A cura di Gianfranco Viesti

Con una presentazione di Pier Luigi Bersani e una prefazione di Domenico Arcuri

Meridiana
2007, pp. XVI- 176

ISBN: 9788886175968
€ 27,00 -15% € 22,95
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 22,95
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Gli anni fra il 2001 e il 2005 sono stati fra i peggiori mai vissuti dall’economia italiana. La debolissima domanda interna e la crescente forza concorrenziale dei paesi emergenti sui mercati esteri hanno stretto le imprese in una dura morsa. Tutta l’economia ha segnato il passo. E il rallentamento è stato ancora più forte nel Mezzogiorno: una vera e propria stasi. Eppure, come spesso succede, sotto la superficie delle crisi vi sono grandi trasformazioni strutturali, più difficili a vedersi, ma i cui effetti permangono nel tempo. Imprese e sistemi produttivi di tutta Italia, sotto pressione, hanno intrapreso strade nuove: maggiore strutturazione aziendale, crescita all’estero, delocalizzazione produttiva, maggiore qualità dei prodotti, innovazione. Alcuni con successo; altri con persistenti difficoltà. Il libro esplora, racconta e interpreta queste trasformazioni. Legge il cambiamento dei sistemi produttivi meridionali negli anni del cosiddetto «declino» dell’economia italiana. Ne valuta i risultati, descrivendo luoghi e protagonisti dell’economia meridionale all’inizio di una fase, auspicabilmente lunga, di ripresa. Partendo da un’istantanea del quadro nazionale, vengono ricostruiti nel dettaglio i cambiamenti avvenuti nel Sud, ricorrendo a un’ampia gamma di indicatori e soprattutto attraverso i risultati di una vastissima indagine sul campo condotta in oltre venti sistemi produttivi meridionali, dall’agroindustria al tessile-abbigliamento-calzature, dal turismo ai comparti ad alta tecnologia. Dati statistici e testimonianze raccolte direttamente da centinaia di operatori, grazie ai quali si hanno indicazioni chiare su chi, in particolare nel Mezzogiorno, abbia meglio fronteggiato gli anni più difficili e si prepari a ripartire con maggior forza.