Responsive image
Carlo Levi

Galleria di ritratti

Cataloghi
2000, pp. 95, con 32 tavole a colori e 18 illustrazioni in b/n nel testo

ISBN: 9788886175579
€ 20,66 -5% € 19,63
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 19,63
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Il ritratto è uno dei soggetti più frequenti nella produzione pittorica di Carlo Levi e costituisce anzi una tematica, il cui significato teorico è stato analizzato dal pittore in una serie numerosa di scritti. Attraverso trentadue dipinti, datati tra il 1926 e il 1960, il catalogo offre una campionatura dei ritratti realizzati da Levi non solo nell'ambito familiare, ma avendo anche come modelli personalità illustri della politica e della cultura italiana e straniera di circa un cinquantennio. Sono presenti infatti i ritratti di noti storici e critici d'arte come Cesare Brandi e Anna Maria Mazzucchelli Argan, di protagonisti dell'antifascismo italiano come Carlo Rosselli, Aldo Garosci e Leone Ginzburg, di pittori, architetti, scrittori, poeti e attori come Filippo de Pisis, Frank L. Wright, Eugenio Montale, Pablo Neruda, Carlo Emilio Gadda, Anna Magnani. Accanto a saggi di presentazione storico-critica dei dipinti, il catalogo contiene gli scritti di Levi sul tema del ritratto, le testimonianze di Fosco Maraini, Pablo Neruda, Il'ja Erenburg sulle circostanze in cui nacquero i loro ritratti, e schede critiche delle opere, con note biografiche sui personaggi rappresentati nei dipinti.

Autore

Carlo Levi

Scrittore, pittore e politico, Carlo Levi è stato uno degli intellettuali di spicco del Novecento italiano. Antifascista, tra il 1935 e il 1936 fu condannato dal regime al confino in Lucania, e da quell’esperienza nacque Cristo si è fermato a Eboli, oltre a un indissolubile legame con il paese di Aliano, dove volle essere sepolto alla sua morte, nel 1975. La sua eclettica attività creativa e politica, dal dopoguerra in poi, fu intensamente intrecciata a quella di instancabile viaggiatore e, tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni settanta, intraprese una serie di viaggi che lo portarono in Russia, India, Cina, Stati Uniti e Cile.

Recensioni
di Ludovico Pratesi, La Repubblica, 22/03/2000

Maestri del Novecento