Responsive image
Paola Monzini

Gruppi criminali a Napoli e a Marsiglia

La delinquenza organizzata nella storia di due città (1820-1990)

Meridiana
1999, pp. XIV-194

ISBN: 9788886175449
€ 18,08 -5% € 17,18
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 17,18
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Oggetto di questa originale ricerca storica sono due tra i più noti e più studiati sistemi malavitosi: la camorra napoletana e il milieu marsigliese. Nelle due grandi città mediterranee, le organizzazioni criminali sembrano avere stabilmente assunto un ruolo che va al di là della gestione di singole attività illegali, sia pur importanti e ramificate. Gli interi contesti urbani di Napoli e Marsiglia ne sono stati caratterizzati, al punto da venire marchiati da una persistente "mauvaise réputation", e da essere considerati in se stessi "criminogeni". In realtà, in entrambi i casi, i sistemi criminali, se esaminati da vicino e nel corso della loro lunga parabola otto-novecentesca, si mostrano assai mobili, occupano ruoli cangianti, mostrano una attitudine all'adattamento, che conosce come unica costante proprio la loro capacità di autoriproduzione. Le "élites criminali" di Napoli e Marsiglia passano da una fase che si può definire "archeologica" e che corrisponde agli esordi ottocenteschi, attraverso i grandi cambiamenti di fine Ottocento e poi del nostro secolo, fino a un ampliamento dei mercati illeciti e dei sistemi clientelari che raggiunge l'apice nei tempi a noi più vicini. Il punto decisivo è rappresentato dai legami che queste élites illegali riescono di volta in volta a intrecciare con la società, con il contesto "legale" nel quale, spesso agevolmente, si muovono. L'approccio comparato consente di mettere in rilievo analogie e differenze, fasi e tempi, modi e articolazioni delle iniziative criminali, punti di forza e di debolezza, reti clandestine e modi di "emersione". La conclusione è sorprendente: le organizzazioni criminali non hanno in sé la capacità di crescere e di misurare la propria potenza; sono le istituzioni legali, quelle dell'ordine pubblico e quelle preposte alla formazione della pubblica opinione, a conferire, con la loro stessa azione, una capacità di "accredito" ai gruppi criminali che operano nelle due città.

Autore

Paola Monzini

Paola MONZINI ha conseguito il dottorato in Scienze sociali presso l'Istituto Universitario Europeo di Fiesole. Ha lavorato come ricercatrice per l'UNICRI (United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute) e come consulente per la dia (Direzione investigativa antimafia). Per Donzelli ha pubblicato Gruppi criminali a Napoli e a Marsiglia (1999).

Recensioni
di Corrado Stajano, Corriere della Sera, 29/05/1999

Napoli e Marsiglia, le mani sporche sulle città