Responsive image
Harry G. Frankfurt

Le ragioni dell'amore

Desiderio dell'altro e cura di sé

Traduzione di Marta Monterisi

Virgola, n. 13
2005, pp. 111

ISBN: 9788879899734
€ 12,50 -5% € 11,87
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 11,87
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Che cos’è l’amore? Dedizione assoluta verso gli altri? Verso la persona amata, l’oggetto del nostro amore? Secondo l’autore di questo libro, uno dei maggiori filosofi morali del nostro tempo, non è così. Queste sono al massimo conseguenze dell’amore, che tuttavia non ne definiscono l’essenza. Può sembrare sconvolgente, o addirittura perverso, ma l’amore è, in ultima analisi e per ragioni filosofiche molto profonde, esattamente l’opposto: è prendersi cura di sé, è amore verso se stessi. La domanda più decisiva e cruciale che possiamo porci circa la condotta della nostra vita, non riguarda quello di cui dovremmo o non dovremmo interessarci, ma quello di cui non possiamo fare a meno di interessarci. La più elementare forma di amore verso se stessi non è nulla di più che il desiderio di una persona da amare, e – se questo è vero – l’amore verso se stessi non è altro che la molla che ci spinge a ricercare il senso della nostra vita. Con una scrittura splendida, insieme brillante e tagliente, Frankfurt ci spiega perché l’amore ha un ruolo così importante nell’esistenza di ognuno di noi. Gli argomenti a cui questo libro è dedicato – scrive – riguardano, in un modo o nell’altro «una questione che è ultima e preliminare allo stesso tempo: come dobbiamo vivere? Ovviamente non si tratta semplicemente di una domanda astratta o teorica. Ci riguarda concretamente, in un modo molto personale […] Concerne il modo in cui facciamo esperienza della nostra vita».

Autore

Harry G. Frankfurt

Harry G. Frankfurt è professore emerito di Filosofia all’Università di Princeton. Tra i suoi titoli ricordiamo: Necessity, Volition, and Love (1999), The Importance of What we Care About (1988) e Demons, Dreamers and Madmen: The defence of Reason in Descartes’s Meditation (1970).