Responsive image
Carlo Levi

Il dovere dei tempi

Prose politiche e civili

A cura di Luisa Montevecchi, introduzione di Nicola Tranfaglia. Con un ritratto di Carlo Levi a cura di Gigliola De Donato

Saggi. Arti e lettere
2005, pp. LXII-367

ISBN: 9788879899390
€ 19,90 -5% € 18,90
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 18,90
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«La funzione dell’intellettuale sarà soprattutto di esprimere il senso dell’interdipendenza di un mondo fatto di infiniti complessi legami, nel quale la libertà anche di un solo uomo è un valore per tutti». Queste parole, con le quali nel 1956 Levi rispondeva a una domanda sul ruolo degli intellettuali, racchiudono il senso del volume conclusivo della collana delle opere in prosa di Carlo Levi avviata dall’editore Donzelli quattro anni fa, e che vanta già le prime traduzioni per il mercato estero. Attivista del movimento di Giustizia e Libertà, dopo il confino Carlo Levi aderisce al Partito d’Azione e partecipa alla Resistenza toscana. Con l’avvento della Repubblica continua a ribadire la necessità di mantenere vivi gli ideali della Resistenza, osserva lo scenario mondiale, addita con lucidità i problemi irrisolti: occupazione, questione meridionale, analfabetismo. Dal 1963, eletto senatore indipendente nelle liste del Pci, interviene sulle principali questioni politiche di quegli anni. La raccolta degli scritti politici, qui introdotta dallo storico Nicola Tranfaglia, offre la possibilità di ricostruire il suo costante impegno politico e civile dagli anni giovanili fino alla maturità.

Autore

Carlo Levi

Scrittore, pittore e politico, Carlo Levi è stato uno degli intellettuali di spicco del Novecento italiano. Antifascista, tra il 1935 e il 1936 fu condannato dal regime al confino in Lucania, e da quell’esperienza nacque Cristo si è fermato a Eboli, oltre a un indissolubile legame con il paese di Aliano, dove volle essere sepolto alla sua morte, nel 1975. La sua eclettica attività creativa e politica, dal dopoguerra in poi, fu intensamente intrecciata a quella di instancabile viaggiatore e, tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni settanta, intraprese una serie di viaggi che lo portarono in Russia, India, Cina, Stati Uniti e Cile.