Responsive image
Massimo D'Alema

A Mosca l'ultima volta

Enrico Berlinguer e il 1984

Saggine, n. 72
2004, pp. 144

ISBN: 9788879899055
€ 12,50 -5% € 11,87
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 11,87
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Febbraio 1984. Chi deve accompagnare Berlinguer a Mosca, per i funerali di Jurij Andropov? L’ultima, tenue speranza di riforma del comunismo sovietico si è consumata attorno alle spoglie del timido innovatore. I suoi funerali a Mosca si annunciano già come un presagio simbolico del possibile crollo imminente dell’orso sovietico. Berlinguer, che ha sempre difeso l’idea della riformabilità del comunismo, sente quella morte a Mosca come un estremo segnale. Intanto in Italia, proprio in quelle settimane, le cose stanno precipitando. Il governo Craxi si accinge a firmare il decreto di San Valentino sulla scala mobile: un gesto di inequivocabile rottura a sinistra, che sospingerà definitivamente il Pci verso lo scontro. Questa volta, a Mosca – annuncia Enrico in Direzione – lo accompagnerà Massimo D’Alema, il giovane segretario regionale della Puglia, che è stato a capo della gioventù comunista. Sul volo di Stato che porta a Mosca Sandro Pertini, Giulio Andreotti, Enrico Berlinguer, e due alti prelati, D’Alema sale per ultimo, portando con sé un piccolo taccuino. A venti anni di distanza, quel taccuino ritrovato è l’occasione per un esercizio della memoria. Ed è il clima politico e umano di quell’ottantaquattro ad essere al centro di questo libro, lucido e ironico, ma al tempo stesso sorprendentemente caldo e appassionato. Alla base c’è il rifiuto di una presentazione manichea dei tratti della personalità di Enrico Berlinguer: la tensione morale contro la capacità di iniziativa politica; la seriosità e il carisma contro la bonomia e l’allegria, la fedeltà ai principi contro lo spirito di innovazione. Non fu così, racconta D’Alema: la forza di Berlinguer, anche in quegli ultimi mesi che conobbero il tragico epilogo di una morte quanto mai teatrale e simbolica, fu nella capacità di saldare i differenti tratti della sua personalità attorno a un’ispirazione unitaria, a quell’umanità tutta politica che fu la sua cifra inequivocabile. Si consumava, in quell’anno punteggiato di tanti e dolorosi addii, anche la definitiva iniziazione di D’Alema alla politica: «Eravamo più soli e, improvvisamente, adulti. Finiva una lunga, forse troppo lunga giovinezza».

Autore

Massimo D'Alema

Massimo D’Alema è stato segretario della Fgci dal 1975 al 1980. Iscritto al Pci nel 1968, è prima membro del Comitato centrale e poi della direzione e della segreteria. È tra i giovani dirigenti della «svolta» che, nel 1989, trasformarono il Pci in Pds, di cui diviene segretario nazionale nel 1994. Eletto alla Camera nel 1987, nel 1997 diventa presidente della Commissione bicamerale per le riforme istituzionali. Dall’ottobre 1998 all’aprile 2000 ricopre la carica di presidente del Consiglio. Nel 2006 è eletto deputato e nominato vicepresidente del Consiglio e ministro degli esteri. Giornalista professionista, ha collaborato con «Città futura», «Rinascita» e «l’Unità», che ha diretto dal 1988 al 1990. Dal 2019 è professore straordinario presso la link Campus University. Per donzelli ha pubblicato nel 2004 A Mosca l’ultima volta. Enrico Berlinguer e il 1984.

Recensioni
di Valentino Parlato, Il Manifesto, 01/09/2004

C'era una volta Berlinguer

di Massimo Giannini, La Repubblica, 26/08/2004

La lezione di Berlinguer il riformatore sconfitto

di Luigi La Spina, La Stampa, 26/08/2004

Berlinguer come in uno specchio

di Paolo Franchi, Il Corriere della Sera, 26/08/2004

Quell'accordo anti Craxi che unì De Mita e Berlinguer

di Claudio Sardo, Il Mattino, 26/08/2004

A Mosca con Berlinguer nel paese senza futuro

di Piero Sansonetti, L'Unità, 26/08/2004

D'Alema racconta Berlinguer

di Mario Ajello, Il Messaggero, 26/08/2004

D'Alema rilancia Berlinguer: