Responsive image
Maria Gabriella Rienzo

Banchieri-imprenditori nel Mezzogiorno

La Banca di Calabria (1910-39)

Meridiana
2004, pp. VI-234

ISBN: 9788879898898
€ 18,00 -5% € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 17,10
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

L’analisi del contesto e le modalità con cui si formano imprenditori e banchieri rappresentano un soggetto di indagine di estremo interesse, ma ancora scarsamente esplorato per quel che riguarda il Mezzogiorno d’Italia. Pesano sulla rappresentazione dello sviluppo delle regioni meridionali le interpretazioni storiografiche secondo le quali principali responsabili del fallimento della risposta napoletana e meridionale alla sfida dell’industrializzazione furono proprio gli imprenditori, poco conformi all’immagine idealtipica conferita loro dal modello economicistico di sviluppo. La ricerca di Maria Gabriella Rienzo mette in evidenza, invece, come le scelte e le strategie operative della Banca di Calabria indichino la volontà di una parte dell’imprenditoria meridionale di operare in posizione decentrata rispetto alle prospettive economiche esogene imposte alla città dai provvedimenti legislativi statali e seguano un percorso alternativo al modello ispiratore dei processi di modernizzazione delle economie industriali del Nord del paese. Ciò attesta come la dicotomia fra tradizione e modernità, sviluppo e arretratezza, che ha pervaso gran parte del dibattito sulle economie meridionali in questo periodo storico, esprima contrasti illusori e fuorvianti, non rendendo pienamente merito alla razionalità del mondo della mediazione imprenditoriale e bancaria locale. Nel complesso, dal lavoro si ricava l’immagine di un capitalismo meridionale che agli albori dell’industrializzazione italiana seguiva una strategia di investimento che, saldando l’uso dello strumento creditizio ai tradizionali orientamenti mercantili e finanziari del sistema economico locale, riusciva a cogliere vantaggiose e rischiose occasioni d’investimento. I banchieri-imprenditori meridionali reagirono, quindi, in modo dinamico alle sfide della modernizzazione, misurandosi con un contesto economico e istituzionale in evoluzione, in base ad un’attenta valutazione delle opportunità offerte dall’andamento congiunturale, dimostrando le stesse capacità e lo stesso dinamismo dei finanzieri-imprenditori italiani ed europei e assecondando, così, un binario parallelo di sviluppo più congeniale alle vocazioni del territorio.

Autore

Maria Gabriella Rienzo

Maria Gabriella Rienzo insegna Storia economica e Storia della moneta e della banca presso la Facoltà di Economia dell’Università di Foggia; si occupa di sviluppo locale nel Mezzogiorno. Ha pubblicato, tra l’altro, Origine ed evoluzione del sistema bancario locale in Capitanata (2002), Istituzioni intermedie e sistema locale provinciale: il caso della Fiera di Foggia (2003).