Responsive image

Le politiche industriali nelle regioni italiane

Rapporto Met 2003-2004

A cura di Raffaele Brancati

Presentazione di Saverio Carpinelli. Saggi di C. Altavilla, G. Aquilina, C. A. Bollino, R. Brancati, V. Frinolli Puzzilli, L. Pieroni, P. Polinori, M. Schenkel, A. Silvani, G. Sirilli, F. Tuzi

Meridiana
2004, pp. XII-164

ISBN: 9788879898867
€ 18,00 -15% € 15,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 15,30
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Il Rapporto Met 2003-2004 presenta analisi sistematiche sulle politiche di sostegno al sistema produttivo italiano. Si tratta di un osservatorio indipendente che analizza, per le venti regioni italiane, i flussi di spesa e i primi impatti previsti, e il modo in cui si sono diversificate le politiche economiche seguite, nonché il ruolo dei vari strumenti utilizzati. Nel Rapporto si discute della più generale impostazione della politica industriale, con un esame accurato delle modalità attraverso le quali le Regioni hanno orientato strumenti che, dal 1998, costituiscono una delle loro principali aree di competenza per intervenire nell’economia. Il Rapporto ricostruisce i flussi di spesa per le venti Regioni e per tutti gli interventi in modo coerente e comparabile; oltre a ciò fornisce approfondimenti su alcuni aspetti di rilievo. Il quadro generale degli interventi offre un’analisi puntuale degli orientamenti della politica industriale negli anni recenti e della sua incidenza sui sistemi economici regionali. Gli approfondimenti sono relativi a diversi aspetti: alle politiche per l’innovazione e la ricerca; a una stima dei rapporti tra efficienza tecnologica dei sistemi produttivi regionali e politiche industriali attuate; a un’analisi di campo sui processi di internazionalizzazione; alla presentazione di una base dati per i «sistemi locali» riferita alle scelte regionali e agli orientamenti delle politiche industriali; alla stima di alcuni effetti importanti delle incentivazioni (investimenti e accesso al credito); alla stima, infine, di una matrice di origine-destinazione degli investimenti che consente di osservare la provenienza dei beni di investimento installati in ciascuna Regione.