Responsive image
Amedeo Quondam

Cavallo e cavaliere

L'armatura come seconda pelle del gentiluomo moderno

Saggi. Storia e scienze sociali
2003, pp. IX-243, con 40 di illustrazioni in b/n e a colori fuori testo, rilegato

ISBN: 9788879898263
€ 27,00 -5% € 25,65
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 25,65
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Nella piena metà del Cinquecento un sovrano intento a celebrare i suoi fasti, il re di Svezia Erik xiv, commissiona all’orefice di Anversa Eliseus Libaerts un’armatura da parata destinata a rimanere tra le più belle mai realizzate: un finissimo cesello ricopre la barda del cavallo con tredici medaglioni che narrano storie di Ercole (equivalente topico del buon principe), e la corazza del cavaliere con otto medaglioni di storie di Troia e altro materiale eroico. Con l’aiuto di un ricco corredo di immagini, Amedeo Quondam ripercorre in questo densissimo libro la storia e l’iconografia di quell’armatura, uno dei «pezzi» più importanti del Rinascimento europeo. Né si tratta di un fenomeno isolato; l’arte dell’armatura ha conosciuto già da qualche anno i propri splendori in una ricca tradizione radicatasi a Milano nei decenni immediatamente precedenti. Quelle armature, beninteso, non sono «ordinarie», non sono strumenti per andare alla guerra; svolgono una funzione straordinaria, connessa ad usi cerimoniali: in parate, tornei, giostre, entrate trionfali eccetera. È una tipologia destinata a durare meno di un secolo, stretta tra la rivoluzione militare (il primato della fanteria e l’irrompere delle armi da fuoco), che trasforma l’arte della guerra e rende il cavaliere catafratto del tutto obsoleto, e le nuove forme cerimoniali dell’aristocrazia e del potere di Antico regime. In questo breve spazio si consuma però un’esperienza eccezionale: l’armatura cambia funzione e senso. Diventa la «seconda pelle» del cavaliere, che ne comunica ed esibisce la nuova seconda natura: su questo supporto si addensano segni grafici, immagini, decorazioni, che ne annettono la pertinenza al campo dell’estetica rinascimentale e classicistica. Beni di lusso con alto valore aggiunto estetico e culturale. Oggetti della nuova dignità e del nuovo decoro. Dietro di essi si celano, o piuttosto si manifestano appieno, i tratti, gli stili, i simboli e i miti del moderno gentiluomo.

Autore

Amedeo Quondam

Amedeo Quondam è professore di Letteratura italiana all’Università «La Sapienza» di Roma. Ha curato una nuova edizione con ampio commento del Libro del Cortegiano di Baldassarre Castiglione (Mondadori, 2002). Per i tipi della Donzelli ha pubblicato Cavallo e cavaliere (2003) e La conversazione (2007).