Responsive image
Agazio Loiero

Il patto di ferro

Berlusconi, Bossi e la devolution contro il Sud con i voti del Sud

Con un capitolo finale su "Le prospettive del federalismo fiscale in Italia" di Gaetano Stornaiuolo

Interventi
2003, pp. 191

ISBN: 9788879898126
€ 12,00 -5% € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 11,40
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Da qualche tempo settori importanti della maggioranza di centro-destra mostrano una crescente insofferenza nei confronti di Bossi. Il loro principale problema sembra essere quello di circoscrivere il riottoso alleato padano. Ma il capo della Lega ostenta grande sicurezza. Sa che le sorti dell’alleanza sono indissolubilmente legate a quel «patto di ferro» che egli ha sottoscritto con Berlusconi, auspice Tremonti, senza il quale l’alleanza di governo non avrebbe neanche avuto origine. Il punto cruciale di quel patto sta nell’approvazione a brevissimo termine della proposta bossiana di «devolution»: la sanzione di una potestà legislativa assoluta da parte delle Regioni in materia di sanità, scuola e ordine pubblico; la rottura di fatto del principio di solidarietà tra le varie parti del paese; la conseguente penalizzazione degli italiani delle Regioni meno ricche. Il paradosso è che la Casa delle libertà trae larghissima parte della sua forza elettorale proprio da quel Mezzogiorno contro cui Bossi concentra i suoi propositi. Ma si può fare, coi voti del Sud, una riforma complessiva dello Stato italiano che va contro gli interessi del Sud? In questo pamphlet, scritto con la padronanza e l’ironia di un politico di lungo corso, Loiero destruttura, con l’aiuto dei rigorosi argomenti economico-statistici apportati da Gaetano Stornaiuolo, il paradigma della devolution di Bossi. Quel che è certo – sostiene l’autore – è che Bossi sta diventando un problema per il premier Berlusconi, che si trova sempre più stretto tra gli scomodi bracci di una dura tenaglia: se dà troppa corda alla Lega (seguendo in ciò un comune istinto intrinsecamente «lombardo») corre l’alea di una forte penalizzazione elettorale, come mostrano le ultime tornate del voto amministrativo. D’altro canto, se molla Bossi, o lo marginalizza, rischia di mandare in pezzi la coalizione, perdendo un puntello politico cruciale, come è già accaduto una volta. Ma si può costringere l’intera politica italiana entro le spire della devolution?

Autore

Agazio Loiero

Agazio LOIERO, parlamentare e vicepresidente del gruppo dei deputati della Margherita, è stato membro della Commissione bicamerale per le riforme costituzionali, sottosegretario e ministro dei governi D’Alema e Amato. Per i tipi della Donzelli ha pubblicato nel 2001 il volume Se il Nord…