Responsive image
Jamie Mckendrick

Chiodi di cielo

Traduzione e cura di Luca Guernieri. Con sette poesie tradotte da Antonella Anedda.

Poesia, n. 19
2003, pp. 132

ISBN: 9788879897877
€ 12,00 -5% € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 11,40
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Ne ho bisogno ancora oggi di quei chiodi di cielo con la loro filettatura impercettibile e la capocchia indistruttibile

capaci di inchiodare ogni cosa al nulla e farcelo stare.

Nuovo talento di punta della lirica inglese contemporanea, Jamie McKendrick ci regala una cifra poetica assolutamente originale, capace di mettere “in salvo con perizia la bellezza dallo squallore, l’arguzia dall’avversità, la delicatezza dalla volgarità”, per citare il prestigioso giudizio di Micheal Hofmann. Chiodi di cielo offre per la prima volta in italiano una scelta antologica, realizzata dall’autore stesso, che copre tutta la produzione di McKendrick dalla sua prima raccolta sino al recentissimo Ink Stone (2003). Colpisce il particolare rapporto di affinità che McKenrdrick intesse con la cultura italiana, testimoniato non solo dalle ambientazioni italiane delle prime due raccolte, ma anche dalle immancabili tessiture intertestuali con la nostra letteratura, a cui si affiancano le altre letterature amate, la spagnola, la francese. Un intreccio e un dialogo aperto che porta alla ricerca sempre raffinata delle cadenze ritmiche, con il sonetto, spesso, a fare capolino. La complessità di McKendrick abita le piccole cose e da quelle parte, predilige l’assenza di dichiarazioni alte e definitive, persegue instancabile il tarlo che l’occhio applica a tutto ciò che osserva senza mai dimenticare la sottile ironia che salva. Poesie come intermittenze del cuore, come fili di una ragnatela, leggere ma allo stesso tempo robustissime. Poesie appollaiate sul bilico, dentro ad auto che vanno a pezzi, pronte a farsi beffe di un nonsenso e a ridisegnare la fragilità come una nuova possibile forza.

Autore

Jamie Mckendrick

Jamie MCKENDRICK è nato a Liverpool nel 1955, vive e lavora a Oxford. Nel 1994 è stato tra i venti poeti selezionati per il numero speciale della «Poetry Review» dedicato ai New Generation Poets. Ha pubblicato cinque raccolte di versi: The Sirocco Room (1991), The Kiosk on the Brink (1993) e The Marble Fly (1997), con la quale ha vinto il Forward Prize; nell’aprile del 2000 è uscita, con il titolo di Sky Nails, la sua prima antologia per i tipi della Faber & Faber e, nel gennaio 2003, l’ultima raccolta dal titolo Ink Stone. Svolge un’importante attività di traduttore dall’italiano. Attualmente sta curando un’antologia in lingua inglese della poesia italiana del Novecento.