Responsive image
Ennio Cavalli

Fiabe storte

Illustrazioni originali a colori di Stefano Navarrini

Fiabe e storie
2003, pp. 140, con 8 ill. colore, ril.

ISBN: 9788879897679
€ 16,00 -5% € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 15,20
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«Nell’antica Cina, fino all’epoca del Primo Imperatore, dominò un genere letterario oggi completamente dimenticato: l’Altrove. Si chiamava così perché il tema centrale non veniva mai dichiarato e tutto partiva da molto lontano, senza indirizzi o vincoli apparenti. Come intraprendere un viaggio tra nebbie e risaie, fuori dai sentieri e dai sentimenti, pur conoscendo la strada per le emozioni. Il lettore sapeva che in uno di quei dedali c’era il bandolo della matassa. Non era a portata di mano ma neppure da qualche altra parte, anche perché un Altrove non poteva in nessun caso superare la lunghezza di un rotolo di carta di riso. Altrimenti si sarebbe dilatato fino a confondersi con l’orizzonte e a soffocare in se stesso come un viaggio intessuto di viaggi». La prosa di Ennio Cavalli in queste Fiabe storte prende il lettore per mano, conducendolo in un altrove della scrittura, in uno spazio fantastico, onirico, immaginifico, che rappresenta tuttavia un punto di osservazione privilegiato sulla realtà, la possibilità di sostare in quelle zone nevralgiche in cui tutto ancora può succedere. Racconti capaci di essere al tempo stesso teneri e graffianti, magici e sfrontati, che nel solco della migliore tradizione fiabesca arrivano al cuore, offrendo uno sguardo obliquo, di sapore agrodolce, sulle mille sfaccettature del mondo. Le grandi domande dell’uomo, l’amore, il sesso, la religione, il potere, la guerra, la violenza, si intrecciano nella prosa di Cavalli, che non si tira indietro di fronte al baratro e all’angoscia che sembra suggerirci il presente. Anzi vi contrappone la leggerezza del suo stile. Cavalli ama definire questa particolare declinazione della sua scrittura «srealismo». Se non c’è più realismo che tenga e forse neanche più spazio per il surrealismo, srealismo vuol dire «rovesciare il fantastico nelle tasche del quotidiano, sdipanare la realtà del momento e cadere in un altro racconto».

Autore

Ennio Cavalli

Ennio CAVALLI, romagnolo, caporedattore culturale del Giornale Radio Rai, vive a Roma. Tra i suoi libri di poesia, L’infinito quotidiano (1973), Naja tripudians (1976), Carta intestata (1981), Po e Sia (1991), Libro di storia e di grilli (1996), Libro di scienza e di nani (1999). Con Bambini e clandestini (Donzelli, 2002), finalista al «Viareggio», ha vinto il premio «Pisa». In prosa, Dei paesi tuoi (1984), La Bibbia in lattina (1992, con una lettera di Federico Fellini), 10 Fellini 1/2 (1994), La donna che affittava un dito (1996), Due ruote fa (1997), L’amore in cuffia (1997), Il romanzo del Nobel (2000, con una nota di Dario Fo), Il poeta è un camionista (2003). Come scrittore per ragazzi: La gallina dalle grida d’oro (2000), Se nascevo gabbiano... era peggio (2001, premio «Arpino» e «Corvo Bianco» della Jugendbibliothek di Monaco), I gemelli giornalisti (2002). In uscita, Cose proprie, antologia di trent’anni di versi.