Sandro Amorosino

Il governo delle acque

La salvaguardia di Venezia: una storia amministrativa italiana

Saggine
2002, V-85 pp.

ISBN: 9788879897426

€ 8,50  € 8,08
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Scheda libro

Il controllo del regime delle acque della Laguna è sempre stato una questione vitale per Venezia. Dopo la disastrosa alluvione del 1966, sempre più frequente è diventato il fenomeno delle alte maree («acque alte») di livello eccezionale, che determinano l’allagamento di calli e campielli e l’erosione degli edifici. La Legge Speciale per la salvaguardia di Venezia, del 1973, aveva previsto la realizzazione di un sistema di regolazione delle maree, e la moderna ingegneria idraulica ha progettato un sistema di «dighe mobili», poste sul fondo dei varchi dai quali il mare entra in laguna, e in grado, sollevandosi, di porre un argine efficace di fronte alle ondate di marea. La realizzazione delle dighe mobili – chiamate con l’acronimo mose a ricordare la biblica separazione delle acque – ha però incontrato per molti anni la feroce e paralizzante opposizione pregiudiziale di molti ambientalisti. È così iniziata una vera e propria telenovela amministrativa all’italiana che questo libro ripercorre. È una storia di veti pregiudiziali anche solo a progettare le dighe mobili, della paralisi decisionale del governo locale e di quello nazionale, di una valutazione d’impatto ambientale compiuta in modo illegittimo ed annullata dal Tribunale Amministrativo Regionale e – solo alla fine del 2001 – della decisione del governo di dare il via alla progettazione e di inserire il mose tra le opere strategiche d’interesse nazionale della Legge Obiettivo. Il libro indica il difficile percorso giuridico per conciliare l’interesse vitale a salvaguardare Venezia dalle inondazioni delle acque alte tutelando, al contempo, in modo rigoroso il paesaggio e l’ambiente lagunare.

Autore

Sandro Amorosino
Sandro Amorosino, studioso di diritto amministrativo, è professore ordinario di diritto pubblico dell’economia all’Università di Roma «La Sapienza». Ha insegnato per quasi vent’anni diritto urbanistico e amministrativo a Venezia. Come studioso si è specializzato in diritto del paesaggio e dell’ambiente (come avvocato ha ottenuto, dopo una battaglia ventennale, l’abbattimento del «Mostro di Fuenti») e in diritto dell’economia (Poteri amministrativi e intraprese finanziarie, Torino 1999). Alla salvaguardia di Venezia ha dedicato Venezia: dalle parole ai fatti, Venezia 1975, e La salvaguardia di Venezia, Padova 1996.