Responsive image

A vela e a vapore

Economie, culture e istituzioni del mare nell'Italia dell'Ottocento

A cura di Paolo Frascani

Introduzione di Paolo FRASCANI. Saggi di Marco ARMIERO, Annunziata BERRINO, Marco DORIA, Paolo FRASCANI, Carla GIOVANNINI, Nicola LABANCA, Maria MALATESTA, Marco MERIGGI, Giuseppe MORICOLA, Maria Stella ROLLANDI

Saggi. Storia e scienze sociali
2001, pp. XXXI-306, con 11 tavole a colori fuori testo, rilegato

ISBN: 9788879896139
€ 24,79 -5% € 23,55
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,55
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

I rapporti intercorsi tra la nostra comunità nazionale e il mare, negli anni che vanno dal processo di formazione dello Stato unitario alla prima guerra mondiale, furono caratterizzati da elementi di radicale trasformazione. Non solo intervennero in quella fase rivoluzionari cambiamenti tecnologici, ma mutò il rapporto stesso tra il mare (anzi i mari) e la rappresentazione complessiva dell'Italia , in un paese che si avviava a diventare Nazione. I contributi di questo volume si interrogano non solo su alcuni dei nodi strategici della nostra storia marittima - mercati, mezzi di comunicazione, mestieri del mare - , ma anche sugli effetti dei processi politici e istituzionali che, dall'Unità in poi, regolano, con intensità crescente, il ruolo, la presenza e l'identità della gente di mare. L'attenzione si concentra sui cambiamenti subiti dall'Italia minore che lavora a bordo delle agili navi a vela transoceaniche o risiede nelle comunità del mare; ma si guarda anche a quel confine mobile e permeabile tra terra e mare sul quale si muovono ceti professionali e apparati burocratici chiamati a confrontarsi con la gestione delle questioni marittime; o per altro verso a quelle élites desiderose di distinguersi socialmente attraverso la pratica sportiva dello yatching. Prende così forma, anche grazie alla valorizzazione di fonti «specializzate» come i giornali di bordo o gli statuti dei circoli nautici, un punto di vista storiografico che, attraverso la rappresentazione degli ineludibili limiti geografici e culturali dell'Italia marinara del XIX secolo, fa emergere le radici di più recenti e tumultuosi cambiamenti, destinati a segnare, per tutto il secolo successivo e fino ad oggi, il tormentato rapporto del nostro paese con l'ambiente marino.

Recensioni
di Luigi Mascilli Migliorini, Il Mattino, 03/05/2001

Noi italiani, popolo refrattario al mare nostrum

La Stampa, 10/02/2001

L'italia che è nata dal mare