Responsive image
Irving Lavin

Caravaggio e La Tour

La luce occulta di Dio

Traduzione di Silvia Panichi e Daniele Francesconi

Saggi. Arti e lettere
2000, pp. XII-83, con 32 pagine di illustrazioni a colori e in b/n fuori testo, rilegato

ISBN: 9788879895767
€ 19,63 -5% € 18,65
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 18,65
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Dopo i saggi su Bernini e il Salvatore e su Santa Maria del Fiore, temi di scultura e di architettura, Irving Lavin torna con un volume dedicato alla pittura e ci offre un nuovo, brillante contributo sull'arte di due grandi del Seicento: La Tour e Caravaggio. Con la consueta maestria, lo studioso analizza un'opera di Georges de La Tour, conservata a Cleveland, che illustra il momento in cui san Pietro si pente dolorosamente per avere rinnegato Cristo tre volte. L'episodio, narrato nei Vangeli, si presta a una lettura di stampo controriformista del sacramento della Penitenza. Lavin interpreta i motivi che fanno del quadro di La Tour una rappresentazione enigmatica: la presenza tanto evidente del gallo, l'espressione allucinata e le mani serrate di Pietro, la strana forma della lanterna ai suoi piedi, la doppia fonte di luce nel dipinto. E come sempre compone il puzzle in maniera convincente ed elegante. Di Caravaggio vengono collegate tra loro e prese in esame tre opere, tutte commissionate nel 1602-3 dal marchese romano Ciriaco Mattei: il San Giovanni dei Musei Capitolini, la Cena in Emmaus della National Gallery di Londra, la Cattura di Cristo della National Gallery di Dublino, riscoperta di recente. In una serie di incastri tra le testimonianze delle Scritture e i riferimenti alla trattatistica coeva, tra i richiami ai modelli antichi e i motivi desunti dalle formulazioni teologiche dei seguaci di san Filippo Neri, si dipana un'avvincente lettura di queste opere che tocca l'aspetto insolito della relazione tra la divinità e il mondo visibile e sollecita la teoria provocatrice della natura «occulta» di Dio, davvero riconoscibile soltanto attraverso il sacramento e la fede. Per il pittore Caravaggio la capacità di «vedere», non con gli occhi ma con lo spirito, può offrire all'uomo una possibilità di salvezza.

Autore

Irving Lavin

Irving LAVIN, tra i massimi studiosi dell'arte italiana del Rinascimento e del Barocco, è professore di Storia dell'arte all'Institute for Advanced Study di Princeton. Tra le sue numerose pubblicazioni sono stati editi in italiano Bernini e l'unità delle arti visive (Edizioni dell'Elefante, 1980) e Passato e presente nella storia dell'arte (Einaudi, 1994). Per i tipi della Donzelli sono stati pubblicati, nel 1998, il volume Bernini e il Salvatore. La «buona morte» nella Roma del Seicento, e, nel 1999, Santa Maria del Fiore. Il Duomo di Firenze e la Vergine incinta.