Responsive image
Mario Sechi

Il giovane Svevo

Un autore "mancato" nell'Europa di fine Ottocento

Saggi. Arti e lettere
2000, pp. VI-135

ISBN: 9788879895484
€ 16,53 -5% € 15,70
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 15,70
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

L'intento di questo studio è quello di riconsiderare in blocco la produzione giovanile di Italo Svevo non più in quanto premessa - lontana quanto immatura - del geniale exploit della Coscienza di Zeno, ma come espressione di un originale progetto culturale e letterario, costruito nel confronto con la grande crisi culturale dell'Europa di fine secolo. Il lavoro consiste in una compiuta disamina del percorso critico e intellettuale attestato negli articoli per «L'Indipendente» e nei saggi inediti, quindi in una rilettura di Una vita e Senilità in quanto romanzi «stratificati», cresciuti cioè in una relazione di «dialogo» stretto e vitale con i modelli della grande narrativa francese, tedesca e russa dell'Ottocento. Per questa via si delineano i tratti di una fisionomia in parte inedita dello scrittore triestino, non «dilettante» come i suoi personaggi di romanzo ma al contrario «lettore» accanito e sistematico, aperto su un orizzonte internazionale di tendenze e di prospettive filosofico-scientifiche e letterarie; quindi «teorico» e sperimentatore coerente di soluzioni tecniche e formali volte a inquadrare la fine del personaggio-eroe e il nuovo tormento etico della scrittura. «Autore», infine, impegnato ad istituirsi come tale attraverso un percorso formativo rigoroso e tenace, e intenzionato a giocare la propria chance nella contraddittorietà di un contesto scoraggiante, fra arretratezza della società letteraria italofona, nuove mode dell'industria culturale, e derive ideologiche di massa, destinate a sboccare nei movimenti sovversivi e bellicisti del nuovo secolo. Sarà il fallimento di quell'ambizioso progetto, sanzionato dall'accettazione di un obbligo morale di rinuncia al ruolo pubblico di letterato, ad aprire poi la strada a una tattica nuova e sofisticata di autodifesa dello spazio della ricerca nelle scritture familiari e private, in attesa di una prova estrema, di un'occasione «miracolosa», che sarà costituita da " La coscienza di Zeno".

Autore

Mario Sechi

Mario SECHI è professore di Letteratura italiana moderna e contemporanea all'Università di Bari. Ha collaborato e collabora a importanti riviste specializzate, da «Problemi» a «Lavoro critico», da «Intersezioni» a «Strumenti critici». Tra i suoi lavori più organici: Il mito della nuova cultura, Lacaita, Manduria, 1984; La figura del corvo, Liguori, Napoli 1990; e con B. Brunetti, Lessico novecentesco, Graphis, Bari, 1996.

Recensioni
di Bianca Garavelli, Avvenire, 12/06/2000

Gli inizi di Svevo: più Zola che Joyce