Responsive image

Società e metropoli

La scuola sociologica di Chicago

A cura di Raffaele Rauty

Saggi di N. ANDERSON, E. W. BURGESS, R. S. CAVAN, P. CRESSEY, N. S. HAYNER, R. D. MCKENZIE, E. R. MOWRER, R. E. PARK, W. C. RECKLESS, B. RUML, C. R. SHAW, W. I. THOMAS, F. M. THRASHER, L. WHITE, L. WIRTH, F. ZNANIECKI, H. ZORBAUGH. Trad. di C. Dominijanni

Centauri
1999, pp. LII-281

ISBN: 9788879891745
€ 19,63 -5% € 18,65
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 18,65
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Un nesso indissolubile unisce lo sviluppo urbano e l'avvento, affascinante e contraddittorio, della società di massa negli anni venti in America: processi che innescano un'immediata e radicale trasformazione della sociologia statunitense in «scienza della società», determinandone non solo un insediamento stabile nelle università, ma anche un riconoscimento sociale senza precedenti. Chicago è il luogo dove questo processo si fa storia, la città che sperimenta tutti gli aspetti della trasformazione sociale, il «laboratorio» nel quale, a partire dalla lezione di William Thomas e sotto la guida di Robert Park e di Ernest Burgess, i docenti del Dipartimento di sociologia analizzano i caratteri e i livelli di quella disorganizzazione sociale resa quotidianità dai processi migratori e diffusasi insieme all'assetto metropolitano. La «Scuola di Chicago» domina culturalmente e metodologicamente per quasi un decennio la realtà sociologica statunitense, nello stesso tempo facendo della ricerca fondata sull'osservazione partecipante, e sulla raccolta delle «storie di vita», l'esempio di un rapporto inedito tra ricercatore sociale e contesto esistenziale degli uomini. Questa antologia, curata e presentata da Raffaele Rauty, raccoglie ora i più significativi contributi teorici e i risultati delle più importanti ricerche empiriche prodotti in quel fervido decennio dalla Scuola di Chicago, nell'intento di offrire agli studiosi un efficace strumento di ricerca e riflessione, in una fase, come l'attuale, altrettanto ricca di trasformazioni enigmatiche ed inquietanti della realtà sociale e in particolare della dimensione urbana.