Responsive image
Francesco Manconi

Castigo de Dios

La grande peste barocca nella Sardegna di Filippo IV

Saggi. Storia e scienze sociali
1994, pp. 410

ISBN: 9788879890915
€ 19,63 -5% € 18,65
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 18,65
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Fra Cinque e Seicento le epidemie di peste si succedono in Sardegna a ritmi serrati. È la conseguenza della permeabilità e quindi della vulnerabilità dell'isola posta al centro della geografia e dei traffici marittimi del Mediterraneo occidentale. Con i marinai, i mercanti e con le merci viaggiano i topi e le pulci vettori della peste. La più devastante delle pestilenze è quella di metà Seicento, che irrompe nel momento più acuto della decadenza spagnola e che decima gli uomini spopolando una regione già in cronico debito demografico. La Sardegna, sempre in bilico fra il mondo spagnolo e quello italiano, funge da ponte nella marcia mediterranea della peste: dalle coste di Valencia nel 1647 fino a Napoli nel 1656 e a Genova nel 1657. Per lo storico la peste risulta un formidabile «rivelatore sociale e mentale»: affiorano così sentimenti, passioni, paure, ma in special modo emergono nuovi e antichi conflitti propri di una società caratterizzata dalla violenza. Sono conflitti fra poteri istituzionali rinfocolati dai problemi di governo che il male contagioso introduce; sono contrasti fra magistrature e popolo, quando le prime impongono regole sanitarie che turbano il corso ordinario della vita; sono tumulti popolari scaturiti da paure collettive e da sentimenti d'odio verso i ceti privilegiati che riescono ad assicurarsi la sopravvivenza. Di fronte ad un male incurabile e inarrestabile l'unica medicina efficace è quella della religione, che non cura i bubboni, ma allevia almeno le inquietudini dell'animo e prepara l'uomo barocco alla «buona morte».

Autore

Francesco Manconi

Francesco MANCONI insegna storia sociale all'Università di Sassari. È il coordinatore della collana editoriale «La civiltà del popolo sardo» del Consiglio regionale della Sardegna. Tra i suoi lavori più recenti, il volume Il grano del re. Uomini e sussistenze nella Sardegna d'antico regime (Sassari 1992).