Responsive image
Karl LOWITH e Leo STRAUSS

Dialogo sulla modernità

Introduzione di Roberto Esposito, traduzione di Alessandro Ferrucci

Saggine, n. 5
1994, pp. XXVIII-36

ISBN: 9788879890823
€ 6,20 -5% € 5,89
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 5,89
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«È stupefacente che noi, che ci capiamo molto bene, da un certo punto in poi ci si capisca così poco - è stupefacente, considerando l'importanza delle cose su cui ci capiamo. Dove si separano le nostre strade?»

Nel suggestivo epistolario intrecciato, nel periodo del nazismo e della guerra, tra due dei massimi interpreti del pensiero filosofico echeggiano accordi e dissonanze sui grandi problemi della filosofia. Accomunati dall'origine ebraica - che li condanna all'esilio dalla Germania negli anni più bui di questo secolo - Karl Löwith e Leo Strauss ne vivono in maniera diversa il rapporto antinomico con le categorie storicistiche del nostro tempo. Se per Strauss esse sono il risultato di una tragica rottura con l'intera tradizione classica, sia greca sia ebraico-cristiana, per Löwith scaturiscono proprio dalla secolarizzazione della filosofia cristiana della storia. Ma forse il punto di maggiore divaricazione interpretativa si concentra sulla nozione che ambedue gli interlocutori oppongono all'ipertrofia della coscienza storica moderna, vale a dire quella di natura: da Strauss intesa soprattutto nel suo aspetto, razionale e normativo, di natura dell'uomo; da Löwith, al contrario, come ciò che eternamente ci trascende e ci domina. Di qui anche una differente modalità di accostarsi ai problemi della politica. Alla richiesta straussiana di un nuovo mito capace di accordare i cuori dissonanti della polis, risponde la netta curvatura «impolitica» del discorso di Löwith: se il nichilismo è il destino infrangibile del nostro tempo, non resta che prendere eroicamente atto del crepuscolo di tutte le fedi. Finemente ricostruiti dall'introduzione di Roberto Esposito, i dui itinerari intellettuali di Strauss e Löwith ritrovano, in queste lettere, la trama profonda che li lega alle questioni essenziali della nostra epoca.

Autori

Karl Lowith

Di Karl Löwith (Monaco 1897 - Heidelberg 1973) sono disponibili in italiano tra gli altri: Da Hegel a Nietzsche (Einaudi, 1981); Significato e fine della Storia (il Saggiatore, 1989); Storia e fede (Laterza, 1985); L’individuo nel ruolo del co-uomo (Guida, 2007). Presso l’editore Donzelli sono stati pubblicati il carteggio Löwith-Strauss, Dialogo sulla modernità (1994), il saggio La questione heideggeriana dell’essere, nel volume collettivo Su Heidegger. Cinque voci ebraiche, a cura di F. Volpi (1998) e il volume Spinoza. Deus sive natura (1999), ora ripreso qui come capitolo IX del presente libro.

Leo Strauss

Leo STRAUSS (1899-1973), dopo aver studiato a Berlino fino all'avvento del nazismo, si rifugiò in America, dove ha insegnato a lungo prima a New York e poi a Chicago. Tra i suoi studi più apprezzati Diritto naturale e storia (Neri Pozza, 1957), Pensieri su Machiavelli (Giuffré, 1970), Liberalismo antico e moderno (Giuffré, 1973), Che cos'è la filosofia politica (Argalia, 1977), Scrittura e persecuzione (Marsilio, 1990).