Responsive image
Luca Villoresi

Purché non manchi la stella

Il presepio in cento parole

Saggine, n. 326
2019, pp. XVIII-158, con tavole a colori nel testo

ISBN: 9788868439620
€ 18,00 -5% € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 17,10
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«La storia del presepio sembra complessa, misteriosa… E forse lo è. Ma tutto è anche molto chiaro, lineare, leggero come quel primo passo – aprire uno scatolone – che fonda e santifica ogni nuova, vecchia nascita. Ecco l’oste, i sugheri, l’asino… Ecco il Bambinello. Da qui in poi, il percorso andrà dove ve lo vorrete immaginare».

I re Magi erano davvero tre? Oppure erano in dodici? Perché c’è un pastore che dorme e non deve essere svegliato? Chi è il «caganer»? E sarà vero che anche gli antichi Romani facevano il presepe? La scena madre è semplice, l’ambientazione scarna, almeno quella prevista dal copione originale: una sacra famiglia, un paio di pastori, un angelo, tre Magi, una stella… Fine. Eppure, da quelle poche immagini è nata una sconfinata narrazione popolare: le scene si sono amplificate, aggiornate, aperte alle più diverse contaminazioni, tra il sacro e il profano, senza badare a incongruenze. Ne è venuto fuori un long seller, un successo internazionale che conosce innumerevoli repliche, inverno dopo inverno; nelle chiese, nelle piazze e nelle mostre, che ospitano i presepi più sontuosi, ma anche sul palcoscenico casalingo, dove quel rito non perde la capacità di stimolare la reinvenzione continua. Stalla o caverna? Sughero o cartapesta? Il cacciatore, lo mettiamo o no? Fino al dubbio più insidioso: il presepe è uno spazio soltanto religioso? O c’è posto anche per il laico? L’inchiesta di un cronista su uno dei riti più diffusi del mondo ricapitola, voce per voce, da «Abacuc» a «Zingara», tutte le storie, i simboli e i personaggi che compongono il presepe. Tra dogmi religiosi e credenze popolari, questo vademecum raccoglie tutto quello che c’è da sapere per «leggere» e mettere in scena uno spettacolo che rimanda ai miti delle origini, al culto del solstizio d’inverno e ad altri ancora sorti prima della nascita di Cristo. Sacra e profana, sospesa tra visioni opposte, a partire dal suo nome (si dice «presepe» o «presepio»?), la scena della Natività si è sempre prestata a diverse rappresentazioni e interpretazioni, qui raccolte e illustrate in un centinaio di parole chiave. Alcune essenziali istruzioni per l’uso, accompagnate da una sequenza di suggestioni iconografiche, utili per interpretare nella maniera giusta questo rituale che include e non esclude, situandosi al di là delle annuali polemiche pro o contro il presepe. Il miracolo a portata di mano della Natività, espresso nel gesto semplice e ingenuo di poggiare un pupazzetto nella culla, è una sospensione del tempo ordinario che merita rispetto e attenzione, e offre una pausa di riflessione inattesa su un passaggio che ha battezzato la storia dell’Occidente. Ma il primo confronto con il tempo, all’apparenza più banale, avviene al momento dell’apertura dello scatolone, quando scopriamo che manca un pezzo o che il muschio si è seccato: è allora che inauguriamo il percorso più affascinante dell’anno, dove il «sempre uguale» della scena diventa il «sempre diverso» con cui ciascuno, ogni volta, ricostruisce il proprio presepe.

Autore

Luca Villoresi

Luca Villoresi ha lavorato per oltre trent’anni a «Repubblica», seguendo come inviato i più diversi eventi della cronaca italiana e realizzando un’eterogenea serie di inchieste e reportage. Ha collaborato con «Linus», «L’Espresso», Radio3, Rai1, «National Geographic», «Corriere della Sera».

Recensioni
Gazzetta del Sud, 24/01/2020

IL PRESEPE SPIEGATO IN CENTO PAROLE

Mauretta Capuano, ANSA - Un libro al giorno, 23/12/2019

Il presepio in cento parole

Alessandro Zaccuri, Avvenire, 15/12/2019

UN DIZIONARIO SULLA SCIA DELLA COMETA

Elisabetta Bolondi, Sololibri, 04/12/2019

“Purché non manchi la stella”

Ugo Cundari, Il Mattino, 27/11/2019

DAL RICOTTARO AL DIAVOLO I SEGRETI DEL PRESEPE