Responsive image
Jacques Rupnik

Senza il muro

Le due Europe dopo il crollo del comunismo

Traduzione di David Scaffei

Saggi. Storia e scienze sociali
2019, pp. X-254

ISBN: 9788868439194
€ 25,00 -15% € 21,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 21,25
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Il crollo del Muro di Berlino nel novembre del 1989 fu al tempo percepito da alcuni come tragica fine di un’illusione, da altri come avvio di un processo di liberazione dei paesi dell’Est dal comunismo, che si sarebbe concluso nel dicembre 1991 con la dissoluzione dell’Unione Sovietica. A distanza di trent’anni è giunto il tempo di guardare a quanto accadde nell’89 nell’Europa dell’Est, considerandolo non come un evento epocale conchiuso ma come un processo, i cui antecedenti rimontano al 1956 polacco e ungherese e le cui conseguenze si prolungano fino a oggi negli equilibri politici di quei paesi e non solo. Il crollo del Muro ha assunto negli anni molteplici valenze simboliche: rivoluzione anti-utopica, emblema di una transizione non violenta alla democrazia, ma anche momento fondativo del mondo globalizzato. Jacques Rupnik esplora queste possibili letture e solleva la domanda sugli esiti di quel processo, che sembrava aprire a un mondo democratico senza confini, incarnato dall’Europa unita, e invece ha avuto quale esito nuovi confini, nuovi muri e diffuse chiusure nazionalistiche. Dai saggi raccolti in questo volume emerge la parabola dei tre processi che da quel fatidico ’89 si sono innescati: dalla transizione democratica a sintomi evidenti di «stanchezza» della democrazia, con classi dirigenti logorate e cittadini disillusi; dalla trasformazione economica alla crisi del modello del libero mercato; dall’idea di una «democratizzazione attraverso l’europeizzazione» alla scoperta drammatica dei limiti geopolitici del potenziale di trasformazione della governance europea. L’Europa dell’Est, dopo l’89, imitò un modello entrato poi in una profonda crisi. E ora, come il resto del mondo, è anch’essa alle prese con la ricerca di un nuovo paradigma democratico. Ricordare il crollo del Muro a distanza di trent’anni impone di fare i conti con le difficoltà e il futuro dell’Europa.

Autore

Jacques Rupnik

Jacques Rupnik, esperto di storia e politica dell’Europa centro-orientale, è direttore di ricerca al Ceri (Centro di ricerche internazionali) e insegna all’Istituto di Scienze politiche di Parigi. Tra le sue recenti pubblicazioni, 1989 as a Political World Event. Democracy, Europe and the New International System (Routledge, 2014) e Europe at the Cross -roads. Democracy, Neighbourhoods, Migrations (Vaclav Havel Library, 2018).

Recensioni
Roberto Righetto, Avvenire, 01/10/2019

I PARADOSSI SOVRANISTI NELL'EUROPA DOPO IL MURO

Sergio Caroli, La Voce di Parma, 10/09/2019

NEI PAESI DELL'EUROPA ORIENTALE VIGE LA "DEMOCRATURA"

Luciano Monzali, La nostra storia - Corriere della Sera, blog, 06/09/2019

Dopo il crollo del muro. Le due Europe, la fine del comunismo e i Populismi dell’Est

Marco Damilano, L'Espresso, 11/08/2019

ULTIMO ATTO

Marco Damilano, La Repubblica, 05/08/2019

LE DOMANDE CHE IL POTERE NON TOLLERA

Marcello Flores, La Lettura, 21/07/2019

L'EUROPA SENZA MURO DIVISA DAL POPULISMO

Giambattista Pepi, Economia italiana, 24/06/2019

Il sogno (svanito?) dell'Europa senza il muro

Corrado Augias, La Repubblica TV, 10/06/2019

"Sotto il muro di Berlino ci siamo rimasti un po' anche noi"