Responsive image
Gabriele Pasqui

La città, i saperi, le pratiche

Saggi. Natura e artefatto
2018, pp. 144, Formato e-pub

ISBN: 9788868439064
€ 16,59
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

La città è sempre stata luogo delle differenze. Luogo in cui i diversi coabitano, mettendo in comune regole di convivenza e dispositivi di controllo. Vivere insieme non è una scelta, ma un destino. Oggi tuttavia la città europea appare incapace di governare il pluralismo, che pure è stato tanta parte della sua storia e del suo destino, schiacciata tra il fallimento della tecno-burocrazia dell’Unione europea e i localismi populisti e regressivi, diffusi ormai in ogni angolo del continente. Come possiamo dunque pensare la città plurale nell’epoca contemporanea? In assenza di fondamenti ideologici, di una visione del mondo condivisa, di uno sfondo comune, come possono gli individui vivere e fare insieme nello spazio urbano? Il libro prende le mosse dall’urgenza di rispondere a queste domande, suggerendo di pensare prima l’essere-insieme, la relazione, poi l’individuo. Si tratta di un esercizio difficile; tuttavia, solo un approccio che sia in grado di descrivere l’individuo come effetto, e non come fondamento, ci permette di comprendere la natura profonda dello stare insieme nello spazio urbano non in chiave comunitaria, ma come disposizione e comparizione, essere-in-comune senza condivisione. Il testo guarda al tema entro tre differenti angolazioni. La prima è tesa a comprendere le condizioni di possibilità di un pensiero della con-vivenza e della con-divisione e le sue conseguenze per le culture urbanistiche e del progetto urbano. La seconda propone una riflessione critica sul progetto urbanistico a partire dalle forme di produzione e trasmissione dei nostri saperi. La terza guarda alle implicazioni di questa lettura della città e dei saperi sul senso e il destino dell’insegnamento e della ricerca universitaria. Scopo del libro è mostrare come sia possibile cercare di convivere nello spazio urbano in condizioni di pluralismo radicale e insieme di ripensare radicalmente strumenti e atteggiamenti del fare urbanistica.

Autore

Gabriele Pasqui

Gabriele Pasqui, laureato in Discipline economiche e sociali e in Filosofia teoretica, è dottore di ricerca in Politiche pubbliche del territorio. Dirige il Dipartimento di Architettura e studi urbani del Politecnico di Milano, dove insegna Politiche urbane. Tra le sue pubblicazioni, Urbanistica oggi. Piccolo lessico critico (Donzelli, 2017) e Raccontare Milano. Politiche, progetti, immaginari (Franco Angeli, 2018).