Responsive image
Federico Finchelstein

Dai fascismi ai populismi

Storia, politica e demagogia nel mondo attuale

Traduzione di David Scaffei. Prefazione di Angelo Ventrone

Saggi. Storia e scienze sociali
2019, pp. XIV-282

ISBN: 9788868438845
€ 28,00 -15% € 23,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,80
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Cos’è il fascismo? E il populismo? Che rapporto hanno dal punto di vista storico e teorico? Possiamo definire fascisti Donald Trump o Matteo Salvini, oppure bollare come populisti politici di destra o di sinistra come Hugo Chávez e Marine Le Pen? In una sintesi di rara efficacia e completezza, lo storico argentino Federico Finchelstein ripercorre la vicenda di questi concetti per rispondere a interrogativi divenuti quanto mai urgenti oggi che, con l’arrivo al potere dei movimenti populisti, è diffuso il timore di una degenerazione autoritaria della democrazia. «La storia che porta dal fascismo al populismo è essenziale per comprendere i processi politici a noi più vicini», avverte Finchelstein nell’introduzione scritta appositamente per l’edizione italiana. Fascismo e populismo, infatti, pur avendo una storia comune, hanno seguito due traiettorie diverse. Il fascismo è stato una forma di dittatura politica, spesso emersa dall’interno della democrazia con l’intento di annientarla. Il populismo invece è scaturito da altre esperienze autoritarie e nella maggior parte dei casi ha alterato i sistemi democratici, senza quasi mai arrivare a distruggerli. Il populismo contemporaneo – in Europa, negli Stati Uniti e in America Latina – è dunque una forma autoritaria di democrazia, che prospera in contesti di crisi politica, reale o percepita: pone un problema al contempo di scarsa rappresentanza politica, che induce la gente a ritenere che le proprie preoccupazioni siano ignorate dai governi, e di crescente disuguaglianza economica e sociale, che fomenta posizioni politiche radicali e nazionaliste. Con un approccio che fa dialogare passato e presente, Nord e Sud del mondo, Europa e Stati Uniti, l’analisi di Finchelstein ha il merito di guardare al fenomeno populista intrecciando i piani nazionale, transnazionale e internazionale, in una prospettiva storica ma avendo come orizzonte di riferimento il presente.

Autore

Federico Finchelstein

Federico Finchelstein è docente di storia alla New School for Social Research e all’Eugene Lang College a New York, ed è visiting professor all’Università di Milano. Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo: Transatlantic Fascism (Duke University Press, 2010) e The Ideological Origins of the Dirty War (Oxford University Press, 2017). Collabora con importanti testate americane ed europee, tra cui «The New York Times», «The Washington Post», «The Guardian», «Clarín».

Recensioni
Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, 17/06/2019

Federico Finchelstein | Populismi globali

Claudio Vercelli, Il Manifesto, 14/06/2019

IL POPOLO SCOMPARSO NELLA CRISI DEMOCRATICA

Antonio Carioti, La Lettura, 02/06/2019

L'ERBA POPULISTA NON È UN FASCIO

Luca Miele, Il Regno - Attualità, 01/06/2019

Libri del mese

Stefano Feltri, Il Fatto quotidiano, 09/05/2019

Salvini non è fascista, ma è populista

Damiano Palano, Avvenire, 19/04/2019

Che cos'è il populismo, una parola che divide

La Repubblica, 30/03/2019

Lettere di Corrado Augias