Responsive image
Liliosa Azara

I sensi e il pudore

L'Italia e la rivoluzione dei costumi (1958-68)

La morale sessuale degli italiani dalla legge Merlin al Sessantotto

Saggi. Storia e scienze sociali
2018, pp. X-230, con un sedicesimo in b/n, fuori testo

ISBN: 9788868438500
€ 24,00 -15% € 20,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 20,40
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

«Tutta colpa della Merlin»: è questa l’accusa che ricorre nel dibattito pubblico in seguito all’approvazione della legge del febbraio 1958 che abolisce in Italia la regolamentazione della prostituzione. Sui giornali e per le strade non si parla d’altro, e in fin dei conti la legge è un ottimo pretesto per cominciare ad affrontare, in maniera sempre più diretta, un argomento rimasto a lungo tabù. Sono gli anni in cui si discute dello scandalo delle prostitute che, non più murate nelle case chiuse, circolano liberamente e sono considerate un pericolo per la morale degli italiani: il contatto con le «veneri vaganti», si dice, può corrompere i minori, provocare una recrudescenza della sifilide, la proliferazione del «terzo sesso», e in sintesi produrre una decadenza morale. Sono anche gli anni in cui clamorosi casi di cronaca portano alla luce l’esistenza di altre modalità messe in atto per proseguire uno sfruttamento delle donne che la legge Merlin non ha potuto frenare del tutto. Attraverso lo studio di carte processuali, atti parlamentari, fonti d’archivio inedite e articoli di giornale, il volume racconta il periodo a cavallo tra l’approvazione della legge e la rivoluzione del ’68. Un periodo di grande fermento, di cambiamenti e innovazioni in ogni campo, incluso quello della moralità e della sessualità, in cui però spesso il «vecchio» fatica a cedere il passo al «nuovo»: ingenti risorse emotive e istituzionali sono profuse per dimostrare che gli italiani non sono ancora pronti a celebrare la fine di una sessualità «irreggimentata», che si ritiene tuteli la famiglia borghese tradizionale. Il caso della «Zanzara», scoppiato al Liceo Parini di Milano, mostra però come le spinte propulsive verso il nuovo esercitate dalle giovani generazioni siano inarrestabili: seppure arginata sotto i colpi di una legislazione penale in cui persistono elementi del regime fascista, poco si potrà fare per arrestare la marea. I gusti, le abitudini, i desideri degli italiani stanno ormai mutando, con buona pace della buoncostume.

Autore

Liliosa Azara

Liliosa Azara insegna Storia contemporanea e Storia delle donne presso il Dipartimento di Scienze della formazione dell’Università degli Studi Roma Tre. Tra i suoi interessi di studio e di ricerca, annovera la storia di genere e la storia della sessualità, con un’attenzione particolare alla prostituzione, su cui ha scritto numerosi saggi; tra le sue pubblicazioni recenti si segnala L’uso politico del corpo femminile (Carocci, 2017).

Recensioni
Valerio Di Porto, NUOVA ANTOLOGIA, 01/09/2019

Recensione

Monica Luongo, Leggendaria, 01/05/2019

I MAGNIFICI 5

Anna Maria Longo, Gr 1, 07/03/2019

Intervista

Elena Tebano, Corriere della Sera, 06/03/2019

Prostituzione, la Corte costituzionale salva la legge Merlin

Luciano Fioramonti, ANSA, 04/03/2019

I sensi e il pudore dopo la legge Merlin

Radio 1 - Giorno per giorno, 20/02/2019

Intervista

Radio inBlu, 12/02/2019

Intervista

Maurizio Cecchetti, Avvenire, 20/12/2018

COME RITROVARE IL PUDORE UCCISO DAL CONSUMISMO?

Andrea Velardi, Il Messaggero, 13/12/2018

IL SENSO DEL PUDORE E LA PRIVACY SVENDUTA