Jean De La Fontaine, Marc Chagall

Favole a colori

Traduzione di Maria Vidale

Collana: Fiabe e storie
2018, pp. XVI-176, rilegato con disegni a colori nel testo
ISBN: 9788868438012

€ 25,00  € 23,75
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Scheda libro

«Un lupo aveva fame, ma una fame da lupi. Erano tempi cupi, perché le pecore del suo vicinato non ne volevano proprio più sapere di farsi divorare. Pensa e ripensa, gli viene in mente un travestimento…».

L’agnello e il lupo? In rosso e giallo. La volpe e l’uva? In bianco, verde e arancio. Il cavallo e l’asino? In lilla e rosso. Il topo e l’elefante? In tutte le sfumature dell’arcobaleno. Ovvero, gli animali di La Fontaine e i colori di Chagall. L’arguzia della penna e il tocco onirico del pennello. Raramente, nella storia della letteratura e dell’arte, si sono prodotti connubi di tale portata creativa, e ancora più raro è che l’esito finale abbia preso la forma di un libro. Tutto cominciò tra il 1926 e il 1927, quando il grande artista russo diede vita a un ciclo di quadri dedicato alle storie del celebre maestro francese. Ne scaturì una serie di mostre a cavallo dell’Europa: Berlino, Bruxelles e Parigi, che esposero un centinaio di tavole ed ebbero un immediato successo, tant’è che tutte le opere trovarono subito un acquirente e s’inabissarono nei meandri delle collezioni private. Di quello straordinario incontro tra l’arte e le lettere si perse memoria finché, quando esplose la fama internazionale di Chagall, alcuni musei allestirono le prime retrospettive su di lui: quei «favolosi» animali cominciarono a uscire dalla tana e il lavoro certosino di curatori e istituzioni museali consentì il recupero di poco più di quaranta delle gouaches originali da cui erano state tirate le incisioni. Ed è da qui che nasce questa edizione. Ma una tale première non poteva presentare al pubblico i testi di La Fontaine nella traduzione italiana ottocentesca: è al 1885 che risale infatti la versione corrente delle favole di La Fontaine, quella di Emilio De Marchi. Le quarantatré Favole a colori qui raccolte offrono invece la nuova, originalissima e brillante traduzione in versi di Maria Vidale che, affiancata ai dipinti di Chagall, ha fatto di questo volume un vero evento editoriale, consentendo un approccio del tutto nuovo a un caposaldo della fiaba europea.

Autori

Jean De La Fontaine
Jean de La Fontaine (1621-1695) è considerato il padre della favola d’età moderna, sulle orme di Esopo e di Fedro. Le sue fiabe, popolate da animali parlanti ma ricche di riferimenti critici e ironici al potere e alla società dell’epoca, sono caratterizzate da uno stile allo stesso tempo raffinato e semplice, che ha profondamente rinnovato il genere. Il corpus intero – 12 volumi pubblicati nel volgere di trent’anni (1668-1694) – costituisce un’arguta rappresentazione della commedia umana.

Marc Chagall
Marc Chagall nasce nel 1887 in una famiglia ebraica a Vitebsk, in Russia. Dopo gli studi d’arte compiuti a San Pietroburgo, si trasferisce a Parigi, dove si inserisce nella comunità artistica di Montparnasse. Nel 1917 aderisce con entusiasmo alla Rivoluzione russa e fonda un’accademia nella sua città natale; ma ben presto torna a Parigi, da dove, nel 1941, partirà alla volta degli Stati Uniti. Terminata la guerra, passerà il resto della vita tra la sua New York e la sua Provenza, dove rimarrà fino alla morte, avvenuta nel 1985.

Recensioni