Responsive image
Rosario Romeo

Richelieu

Alle origini dell'Europa moderna

Introduzione e cura di Guido Pescosolido

Saggi. Storia e scienze sociali
2018, pp. XXII-170

ISBN: 9788868437763
€ 28,00 -15% € 23,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,80
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Anno accademico 1963-64. Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma. Rosario Romeo – giovanissimo professore ordinario e già uno dei più prestigiosi storici italiani – tiene le sue prime lezioni. Il corso ha per oggetto un protagonista della storia europea dell’età moderna: il cardinale Richelieu. Per quel corso Romeo scrive un fascio di dispense, oggi introvabili, ma rimaste memorabili tra gli allievi. Rilette a distanza, quelle pagine offrono un saggio di stupefacente vigore interpretativo dell’ascesa al potere del più grande uomo politico del Seicento. È questa la fase – come sottolinea nell’Introduzione Guido Pescosolido, allora allievo di Romeo – nella quale prendono forma e si consolidano le costanti della storia degli ordinamenti politici e degli equilibri di potenza in Europa, destinate a proiettarsi nei secoli successivi. Ancora in pieno Ottocento, il movimento nazionale per l’unificazione italiana e il suo maggiore artefice, Cavour, dovranno fare i conti con le onde lunghe di quelle vicende: l’assolutismo monarchico come forma di regime politico-istituzionale e gli equilibri di potenza incarnati dalla lotta tra Francia e Impero asburgico, in un quadro di frammentazione politico-militare delle altre due componenti decisive dello spazio europeo, l’Italia e la Germania. Si spiega così l’attenzione che Romeo dedica a Richelieu e alla Francia del Seicento, proprio nel momento in cui era ancora immerso nelle roventi polemiche con la storiografia marxista sull’interpretazione gramsciana del Risorgimento e sullo sviluppo capitalistico italiano postunitario, ma stava anche lavorando intensamente alla monumentale biografia su Cavour che vedrà la luce in seguito. Stupisce, in queste pagine, l’ampiezza di visione e la forza dello sguardo prospettico di Romeo. E colpisce la capacità, oggi malauguratamente perduta, di abbracciare contemporaneamente, nella pratica storiografica, ambiti e periodi così diversi, rifuggendo da eccessi di specialismo, pur senza alcuna deroga al rigore e alla serietà dell’indagine.

Autore

Rosario Romeo

Rosario Romeo (1924-1987) è stato uno dei più importanti storici italiani del Novecento. Allievo di Volpe, Croce, Chabod, Valeri, fu professore ordinario nell’Università di Messina e di Roma, nonché fondatore e primo rettore della Luiss. Nel 1984 fu eletto al Parlamento europeo nelle liste del Partito repubblicano-Partito liberale. Al Risorgimento dedicò la parte più cospicua delle sue ricerche. Tra le sue opere ricordiamo: Il Risorgimento in Sicilia (Laterza, 1950), Risorgimento e capitalismo (Laterza, 1959), Cavour e il suo tempo (3 voll., Laterza, 1969-84).