Responsive image
Giuseppe Colitti

Lo sguardo al cielo

Credenze e magie tradizionali

Prefazione di Pietro Clemente. Postfazione di Francesco D'Episcopo

Saggi. Storia e scienze sociali
2018, pp. XIV-282

ISBN: 9788868437701
€ 30,00 -5% € 28,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 28,50
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Un mondo di ieri, appena trascorso e già straordinariamente lontano, al punto da rischiarne la definitiva perdita di memoria: una preziosa raccolta di reperti delle culture magiche e delle preghiere laiche nella tradizione popolare dell’area del Vallo di Diano e del Cilento, che ripropone la suggestione delle grandi ricerche etnografiche di Ernesto de Martino. Con questa opera originale e di lunga lena, Giuseppe Colitti ci consegna un corpo coerente di credenze popolari, che si tiene insieme in maniera davvero stupefacente e che, come osserva Francesco D’Episcopo, restituisce, in presa diretta, «il vero volto di un Sud non contraffatto da facili mistificazioni». «Forse tanti anni fa il cielo era diverso, e quando vi si rivolgeva lo sguardo succedevano cose che oggi non succedono più», scrive Pietro Clemente. E luce e tenebre erano i due poli dell’immaginario di questa tradizione perduta. La luce del sole era un richiamo alla bontà divina del cielo; il buio della notte rievocava le figure del male, che operava nelle tenebre, come la brutta bestia (il diavolo) e le streghe. È cambiata anche l’immagine della morte: non si vede più il nero del lutto e non si sente più il pianto ad alta voce. L’aldilà non è più rappresentato dal ritratto di defunti col lumino acceso, come a scongiurare le tenebre, e non si teme più l’apparizione degli spiriti. L’acqua è ormai disponibile in tutte le case e non si va più a prenderla alla fontana; tanto meno si va fuori a lavare i panni. Sempre meno si crede al malaugurio e alle fatture. Non si rattoppano più gli indumenti; nessuno va più scalzo e quasi nessuno ripara le scarpe dal calzolaio. Non si recitano più le preghiere in dialetto, buone a scandire i vari passaggi della giornata e particolarmente il momento di addormentarsi. Né c’è più, infine, l’abitudine di fare lu cuntu (il racconto), distratti, come si è oggi, dalla televisione e dal cellulare, e privi di un’autentica comunità.

Autore

Giuseppe Colitti

Giuseppe Colitti, ricercatore e studioso di fonti orali, ha realizzato un archivio sonoro di circa 2500 ore di registrazioni dal 1971 a oggi, riconosciuto di interesse storico dalla Soprintendenza agli Archivi della Campania (1992). È presidente del Centro studi e ricerche del Vallo di Diano «P. Laveglia». Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: L’altra America. L’emigrazione meridionale in Puglia (Edizioni scientifiche italiane, 1990); L’anello della memoria (Rubbettino, 2005); Il tamburo del diavolo (Donzelli, 2012, con prefazione di Alessandro Portelli).

Recensioni
Claudio Corvino, Il Manifesto, 12/10/2018

TRA CREDENZE E MAGIE, IMMERSI NELLA BELLEZZA DEL CILENTO