Responsive image
Vanessa Pietrantonio

Maschere grottesche

L'informe e il deforme nella letteratura dell'Ottocento

Saggi. Arti e lettere
2018, pp. VI-226

ISBN: 9788868437695
€ 25,00 -15% € 21,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 21,25
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

«Nel pensiero dei moderni, il grottesco – scrive Victor Hugo nella Prefazione al suo Cromwell – ha una parte immensa. È dovunque: da un lato crea il deforme e l’orribile; dall’altro il comico e il buffonesco». Partendo dalla lettura di questo testo, il libro studia le metamorfosi della rappresentazione grottesca nella letteratura europea, e non solo, alla luce del trauma irreversibile provocato dalla Rivoluzione francese. Con la presa della Bastiglia si assiste a uno scatenamento irrefrenabile di forze distruttive che attaccano e uccidono ogni presunto colpevole, reale o fantasmatico che sia, il più delle volte prodotto da un’immaginazione sovraeccitata, come se i confini tra il possibile e l’impossibile fossero andati irrimediabilmente in frantumi. Dall’evento cruciale della decapitazione del re sotto la ghigliottina iniziano a diffondersi i germi dell’orrore che contagia, divora, deforma ogni cosa. Ed entra in scena il legame decisivo tra il sangue versato e la malattia, tra la violenza e l’aberrazione. L’attesa della morte, tanto reale quanto immaginaria, trascina la coscienza in un vortice di allucinazioni, sussulti visionari, deliri e incubi che dilatano la stabilità di ciascuna fisionomia psichica, estendendola verso direzioni sempre difformi rispetto alle norme codificate: grottesche, appunto. Proprio qui, in questo sottosuolo affollato di fantasmi e di lugubri oroscopi – perlustrato, intanto, dalla psichiatria di Esquirol e dei suoi successori – vengono a incrociarsi le traiettorie di alcuni tra i grandi protagonisti della narrativa ottocentesca: da Hoffmann a Poe, Nodier, Hugo, Balzac e Manzoni. Tutte traiettorie labirintiche, quanto le spirali tracciate da Piranesi nelle Carceri: figurazione esemplare di questo tracollo delle forme, destinate ormai a convivere con la propria ombra negativa, dove il tragico si intreccia con il mostruoso.

Autore

Vanessa Pietrantonio

Vanessa Pietrantonio è ricercatrice di Letterature comparate presso l’Università di Bologna. Ha conseguito il dottorato nella stessa materia alla City University of New York. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Archetipi del sottosuolo. Sogno, allucinazione e follia nella cultura francese del XIX secolo (Franco Angeli, 2012); F. Arcangeli, Corpo, azione, sentimento, fantasia. Lezioni 1967-1970 (a cura di V. Pietrantonio, Prefazione di V. Fortunati, il Mulino, 2015, 2 voll.).

Recensioni
Le parole e le cose, 04/10/2018

Maschere grottesche

Luca Miele, Avvenire, 26/08/2018

E IL SUPPLIZIO DIVENTÒ SPETTACOLO