Responsive image
Gianni Belloni e Antonio Vesco

Come pesci nell'acqua

Mafie, impresa e politica in Veneto

Saggi. Storia e scienze sociali
2018, pp. VI-210

ISBN: 9788868437343
€ 28,00 -15% € 23,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,80
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Tra le regioni del Nord Italia, il Veneto è quella meno interessata da inchieste giudiziarie e giornalistiche che abbiano portato alla luce la presenza di gruppi mafiosi strutturati e radicati. Di fronte a scarsi riscontri documentali, nella costruzione sociale del fenomeno mafioso prevalgono le impressioni, in una sorta di cortocircuito emozionale in cui l’evocata presenza delle mafie è chiamata in causa per spiegare le diversificate dinamiche di illegalità che caratterizzano il contesto politico e imprenditoriale di questo territorio. Il volume presenta i risultati di una ricerca sulle vicende criminali che coinvolgono organizzazioni mafiose, impresa e politica, offrendo una descrizione della cronologia e della geografia delle presenze mafiose in Veneto. Attraverso quattro studi di caso, gli autori osservano da una prospettiva ravvicinata i principali episodi in cui sono stati coinvolti gruppi mafiosi in questo territorio: l’incontro tra clan e tessuto imprenditoriale locale; le ricadute di questo incontro sul mondo del lavoro in relazione alle attività di intermediazione di manodopera gestite dai clan; i rapporti tra gruppi di ’ndrangheta e politica nel Veronese; il caso del Consorzio Venezia Nuova e la costruzione del Mose, un caso limite, in cui non sono coinvolte organizzazioni criminali di tipo mafioso, che consente agli autori di mettere alla prova le chiavi di lettura adottate per interpretare il funzionamento dell’economia locale e la sua «sregolazione» politica. L’indagine permette di approfondire la convergenza tra i gruppi criminali e il tessuto imprenditoriale del Veneto, nonché il ruolo di facilitazione degli affari assunto dalla politica al tempo della crisi. La corruzione diviene così il luogo predestinato di incontro tra attori di diverso tipo, l’inevitabile approdo di una serie di condotte proprie del fare politica e del fare impresa in territorio veneto.

Autori

Gianni Belloni

Gianni Belloni, già coordinatore dell’Osservatorio ambiente e legalità di Venezia, è nel comitato scientifico del Laboratorio di analisi e ricerca sulla criminalità organizzata dell’Università di Torino (Larco). Giornalista, ha scritto inchieste e reportage sulla criminalità organizzata per quotidiani e riviste.

Antonio Vesco

Antonio Vesco, dottore di ricerca in Antropologia presso l’Università di Siena e l’Université Paris I Sorbonne, è ricercatore nell’ambito di un progetto Erc della Aristotle University di Salonicco.

Recensioni
Filippomaria Pontani, Il Fatto quotidiano, 29/04/2018

IL FASCINO INOSSIDABILE II FASCINO INOSSIDABILE DEL BORGHESE

Gianfranco Bettin, Il Mattino di Padova, Il corriere delle Alpi, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso, 18/03/2018

PRESENZA, NON INFILTRAZIONE COSI' LA MAFIA È GIÀ IN VENETO

Fabio Bozzato, Corriere Imprese Nord Est (Corriere del Veneto), 12/03/2018

SE LE MAFIE DELOCALIZZANO NELL'ACCOGLIENTE NORDEST "COME PESCI NELL'ACQUA"

Ernesto Milanesi, Il Manifesto, 06/03/2018

NORD EST, LA NUOVA FRONTIERA DELLA HOLDING MAFIOSA

Marco Todarello, L'Impresa - Il Sole 24 ore, 05/03/2018

"Come pesci nell'acqua", quando le imprese cedono alle mafie