Responsive image
Andrea Mecacci

Dopo Warhol

Il pop, il postmoderno, l'estetica diffusa

Saggine, n. 282
2017, pp. VI-106

ISBN: 9788868435820
€ 16,00 -15% € 13,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 13,60
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

«Oggi che tutte le profezie di Andy Warhol si sono avverate, in che punto delle nostre vite rimane visibile la linea che stabilisce una differenza tra il pop e il quotidiano?».

La contemporaneità – ovvero l’epoca che viene «dopo Warhol» – ha conosciuto tre grandi processi di estetizzazione: il pop (dalla metà degli anni cinquanta agli inizi degli anni settanta), il postmoderno (dagli anni settanta alla fine degli anni ottanta) e l’estetica diffusa (dagli anni novanta fino a oggi). Questo studio individua alcuni momenti decisivi di questi passaggi in cui la realtà è stata concepita e vissuta essenzialmente come una costruzione estetica. La cultura pop, che trova in Warhol la sua figura paradigmatica, ha rappresentato la massima espressione estetica della tarda civiltà industriale dando una forma definitiva a ciò che oggi chiamiamo «secondo Novecento»: l’estetico inteso come consumo simbolico. Questo approdo estremo della modernità confluisce nella fase successiva del postmoderno, nel quale le pratiche più diverse rientrano in un’immensa strategia della simulazione e dell’ibridazione: kitsch, estetica del fake, citazionismo, culto dell’apparenza, finzione. Elaborando una continua erosione di ogni gerarchia culturale, il postmoderno ha aperto le porte a una fase post-storica dell’estetico, sempre meno rintracciabile nell’arte e sempre più presente nelle esperienze della quotidianità. Si giunge così al terzo momento, l’estetica diffusa o estetizzazione diffusa, che rappresenta la dimensione estetica della globalizzazione, dove estetizzazione significa fondamentalmente che anche il non estetico è pensato ed esperito come estetico. Quella che emerge è una radiografia di un passato prossimo che è la chiave per comprendere dinamiche ormai tanto auto evidenti da non essere più interrogate.

Autore

Andrea Mecacci

Andrea Mecacci insegna Estetica presso l’Università degli Studi di Firenze. Tra le sue pubblicazioni: Introduzione a Andy Warhol (Laterza, 2008), Estetica e design (il Mulino, 2012), Il kitsch (il Mulino, 2014). per i tipi della Donzelli ha pubblicato il volume L’estetica del pop (2011) e ha curato l’edizione italiana di America di Andy Warhol (2009).

Recensioni
Massimo Palma, Alfabeta2, 07/06/2017

Postumi di Warhol

Stefano Taddei, Il Foglio, 11/05/2017

Dopo Warhol

Letture.org, 02/05/2017

Dopo Warhol

L'indiscreto, 29/03/2017

L'estetica del falso

Simona Maggiorelli, Left Avvenimenti, 25/03/2017

QUANDO ANDY WARHOL SANTIFICO' GIANNI AGNELLI

Maurizio Cecchetti, L'Avvenire, 24/03/2017

WARHOL, LA POP ART E GLI IDOLI DELLA SOCIETA' DEI CONSUMI

Marco Pontoni, La voce di New York, 07/03/2017

C’è vita dopo Warhol?