Responsive image
Arianna Papini

Quando gli anni divennero animali

La leggenda dello zodiaco cinese

Versione cinese di Bianca Lazzaro jr. e Ni Lili

Fiabe e storie (album)
2016, pp. 22, cm 21,5x30,5, cartonato

ISBN: 9788868435332
€ 22,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 22,00
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

UN ALBUM E UN PROGETTO IN ITALIANO E IN CINESE

Una storia avvincente che narra di dodici animali (gatto e topo compresi), a cui un giorno lontano lontano il dio Buddha ha assegnato un compito speciale: attribuire il proprio nome a ciascun anno, in modo da dare un ordine al passare del tempo. Ecco perché, per esempio, il 2016 è l’anno della Scimmia e il 2017 sarà quello del Gallo. Ma quanti bambini (e grandi) conoscono questa misteriosa storia? Arianna Papini ha deciso così di riscrivere e illustrare da par suo l’antica leggenda facendone un album straordinario che racconterà ai bambini il primo litigio tra il gatto e il topo e la magia dello zodiaco cinese.

Autore

Arianna Papini

Arianna Papini è scrittrice, illustratrice e pittrice assai nota e apprezzata dai lettori piccoli e grandi. Ha studiato arte e architettura ed è stata a lungo Direttore editoriale e artistico della casa editrice Fatatrac. Svolge un’intensa attività di promozione della lettura tra i bambini in collaborazione con le scuole e le biblioteche, ed effettua corsi di aggiornamento per insegnanti e bibliotecari. Ha pubblicato oltre 40 titoli con diversi editori (Kalandraka, Fatatrac, Lapis, Principi e Principi, Coccole e Caccole, Edicolors) ed espone regolarmente i suoi lavori in numerosissime mostre individuali e collettive. Fra gli altri, ha ricevuto il Premio Andersen dell’Infanzia, il Premio delle Palme e il Premio Nazionale Un Libro per l’Ambiente. Nel 2011 è stata selezionata per la Honour List IBBY.

Recensioni
Serena Bignamini, Pedagogika.it, 14/04/2017

SCELTI PER VOI RAGAZZI: QUANDO GLI ANNI DIVENNERO ANIMALI

Marie-Claire, 01/04/2017

Un milione di anni fa

Rossana Sisti, Popotus - Avvenire, 29/11/2016

Scaffale basso