Responsive image
Gabriella Gribaudi

Combattenti, sbandati, prigionieri

Esperienze e memorie di reduci della seconda guerra mondiale

Saggi. Storia e scienze sociali
2016, pp. XVIII-238

ISBN: 9788868434557
€ 28,00 -5% € 26,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 26,60
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Come vissero i soldati italiani della seconda guerra mondiale la condizione di sconfitti? Quanti, e quanto diversi, furono i percorsi di elaborazione del loro vissuto, della loro memoria? Questo libro è costruito sulla base dei racconti in presa diretta di reduci della seconda guerra mondiale che hanno combattuto, sono stati presi prigionieri o hanno subito la sconfitta e la ritirata sui vari fronti in cui l’Italia è stata coinvolta. al centro delle loro storie, raccolte in viva voce e poi sapientemente trascritte dall’autrice, ci sono i differenti cammini individuali che confluirono nella messa in scena di un grande dramma storico. Si tratta, per lo più, di testimonianze di soldati semplici, che rievocano il momento della svolta, il passaggio drammatico dalla condizione di soldati inquadrati in una disciplina, e soggetti alle regole dell’onore militare, alla dimensione di uomini comuni, che combattono per la sopravvivenza. Più che un passaggio, un vero e proprio rovesciamento delle loro esistenze; un nodo intorno a cui si avvolge il racconto e si riavvolge la vita. Per alcuni di essi, questo momento coincise con la cattura; per altri, con la ritirata o la fuga o l’internamento dopo l’8 settembre. centrale diventa il racconto della lotta per la sopravvivenza, in cui ognuno ha dovuto usare tutti i mezzi a disposizione, tutte le proprie capacità, tutto l’ingegno e la forza per resistere, sfuggire agli ordini e raggirare carcerieri o inseguitori. Pur nella diversità delle esperienze, si conferma in tutti la centralità di un tema: il debole che lotta contro il potente. e domina su tutto l’esaltazione della furbizia, tipica arma di chi combatte contro un potere tanto più forte di lui. il racconto assume il ritmo e la struttura della fiaba popolare, costruito com’è su una qualità letteraria, su un’«arte del dire», tanto più significativa per una generazione in cui il racconto orale rivestiva un ruolo così rilevante.

Autore

Gabriella Gribaudi

Gabriella Gribaudi è professore ordinario di Storia contemporanea all’Università di Napoli Federico ii. Fa parte del comitato di redazione di «Quaderni Storici». Dalle sue indagini sul tema della seconda guerra mondiale e delle violenze ai civili è scaturito il volume Guerra totale. Napoli e il fronte meridionale 1940-44 (Bollati Boringhieri, 2005), con cui ha vinto il Premio Napoli per la saggistica. Sta lavorando alla costruzione di un sito multimediale sulle memorie (www.memoriedalterritorio.it).

Recensioni
Matteo Palumbo, La Repubblica, 22/06/2017

IL RACCONTO INASCOLTATO DELLA NOSTRA STORIA

Goffredo Fofi, Domenica - Il Sole 24 Ore, 07/08/2016

VITE TRAGICHE DAL FRONTE

Sergio Lambiase, Corriere del Mezzogiorno, 05/07/2016

"COMBATTENTI, SBANDATI, PRIGIONIERI"

Fahrenheit - Radio 3, 20/04/2016

Intervista a Gabriella Gribaudi