Responsive image
Umberto Vincenti

Diritto e menzogna

La questione della giustizia in Italia

Saggine
2013, pp. 162, Formato e-pub

ISBN: 9788868433192
€ 10,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«Varcata la soglia del tribunale, si entra in un mondo di apparenze che possono coprire l’inganno o, anche, l’auto-inganno. È invece sulla verità che si fonda la rettitudine della convivenza civile. Ma le istituzioni – le leggi, i magistrati, i burocrati – possono simulare e far prevalere la menzogna».

Scopo di questo libro è avviare finalmente un discorso di verità sull’annosa questione della giustizia nel nostro paese. Il cittadino appare sfiduciato e percepisce come ostile il sistema nel suo complesso. Una legislazione malamente concepita e coordinata che ha finito con il ridurre il diritto a un discorso verboso, a disposizione di interpreti che cercano di forzarlo a vantaggio di interessi di parte. Un’impunità diffusa, agevolata dalle complicazioni processuali e frustrante per il cittadino onesto e osservante. Una formazione professionale difettosa, affidata a università che restituiscono alla società dei tecnici, ma non dei giuristi in grado di percepire i contesti socio-politici da cui le regole scaturiscono e a cui sono destinate. Una magistratura costituzionalmente disegnata più come centro di potere che come potere di servizio, con un tasso di entratura in organi di garanzia eccessivo e sproporzionato. Un’avvocatura a cui la Costituzione ha assegnato la funzione della difesa processuale, ma che non per questo può ritenersi autorizzata ad agire per sviare la retta applicazione della legge. Privati cittadini che usualmente dichiarano il falso per ottenere benefici economici. Così il diritto si fa strumento di alterazione di tutto un contesto storico: può giungere a negare se stesso, divenendo uno strumento di legittimazione di menzogne istituzionali. Ma solo buoni ordinamenti normativi potranno restituirci buone società. Perciò è necessario che si generi, a partire dalle facoltà giuridiche, una robusta opera di riacculturamento. C’è bisogno di operatori più dotti e più eticamente corredati, meno tecnici e meno formalisti: il diritto non può essere un attrezzo per i giochi del potere o una specie di scommessa sul futuro, ma è una promessa istituzionale che va presa sul serio da tutti.

Autore

Umberto Vincenti

Umberto Vincenti è professore ordinario presso l’Università di Padova, dove è presidente della Scuola di giurisprudenza. Tra i suoi ultimi libri ricordiamo: Individuo e persona, insieme a G. Boniolo (Bompiani, 2007); Diritti e dignità umana (Laterza, 2009); Diritto senza identità. La crisi delle categorie giuridiche tradizionali (Laterza, 2010²); I fondamenti del diritto occidentale. Un’introduzione storica (Laterza, 2010); La repubblica virtuosa. Una proposta per l’Italia (Bruno Mondadori, 2011).