Responsive image
Jacqueline Reich, Catherine O'Rawe

Divi

La mascolinità nel cinema italiano

Virgola, n. 121
2015, pp. VI-154

ISBN: 9788868432362
€ 21,00 -15% € 17,85
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 17,85
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Il divismo cinematografico nasce in Italia con le favolose dive del cinema muto: ma come nasce e cosa significa il divo? Qual è il rapporto che si instaura fra la star maschile e la mascolinità italiana? Questo volume, il primo studio dedicato interamente al divismo maschile nel cinema italiano, esamina lo sviluppo del fenomeno dal periodo muto al cinema contemporaneo, offrendo una lettura dei vari modi in cui la star maschile è stata interpretata dagli inizi del Novecento fino a oggi. Nella prima parte del libro le autrici tracciano il contesto storico, sociale e industriale in cui i divi si collocano, e presentano i principali approcci teorici necessari per interpretarli attraverso la semiotica, lo studio dei generi, dello stile di recitazione e della produzione culturale dei fan. In quest’ottica, grande attenzione è dedicata ad aspetti solitamente trascurati, come il rapporto tra divi e audience, il ruolo di quest’ultima nel definire l’immagine della star, nonché la trasformazione e la diffusione del fenomeno divistico grazie ai media digitali. All’analisi teorica si accompagna, nella seconda parte del volume, un approfondimento del divismo tramite l’esame di alcune figure esemplari di star che coprono un ampio arco temporale e un vasto spettro di generi cinematografici: dalle star del muto, Bartolomeo Pagano ed Emilio Ghione, a quelle del cinema tra le due guerre, con Vittorio De Sica e Amedeo Nazzari, dal divo neorealista Raf Vallone ai divi della commedia all’italiana e del cinema impegnato, con Alberto Sordi, Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni e Gian Maria Volonté, fino ai divi dei giorni nostri con Roberto Benigni, Carlo Verdone, Toni Servillo e Riccardo Scamarcio.

Autori

Jacqueline Reich

Jacqueline Reich è Professor e Chair presso il Department of Communication and Media Studies alla Fordham University di New York. Si occupa di cinema italiano, cinema italo-americano, dei rapporti tra moda e cinema, e della rappresentazione del corpo maschile nella cultura visuale del Novecento in Italia e negli Stati Uniti. Tra le sue opere: Beyond the Latin Lover: Marcello Mastroianni, Masculinity, and Italian Cinema (Indiana University Press, 2004) e The Maciste Films of Italian Silent Cinema (Indiana University Press, 2015).

Catherine O'Rawe

Catherine O’Rawe è Reader in Modern Italian Culture presso il Department of Italian presso la University of Bristol. Si occupa di cinema italiano del dopoguerra e contemporaneo. Ha pubblicato Stars and Masculinities in Contemporary Italian Cinema (Palgrave Macmillan, 2014) e vari articoli sul divismo e sul cinema italiano. È inoltre co-direttrice del progetto «In Search of Italian Cinema Audiences 1945-1960».

Recensioni
Angela Bosetto, Rivista del Cinematografo, 01/04/2016

Uomini veri

Michele Lupo, ilrecensore.com, 07/03/2016

Divi. C’era una volta il maschio latino

Giulia Carluccio, L'Indice, 01/03/2016

INETTI, MALINCONICI, BLANDAMENTE NARCISI

Miracolo italiano - Radio due, 28/02/2016

Intervista a Jacqueline Reich

Lorenzo Gasparrini, Leggendaria, 23/02/2016

Belli e impossibili

Guido Vitiello, Il Foglio, 30/01/2016

DIVI ELETTORALI

Maurizio Acerbi, Il Giornale, 17/01/2016

MUTI, IN BIANCO E NERO E COLORATISSIMI ECCO I DIVI ITALIANI

Massimiliano Panarari, Venerdì - La Repubblica, 08/01/2016

MASCOLINITA' MADE IN ITALY: IL CATALOGO E' QUESTO

Elisabetta Ambrosi, Il fatto quotidiano, 05/01/2016

DIVI, MASCHI, INSICURI, MA COSI' PROFONDAMENTE ITALIANI