Responsive image
Rosario Pavia

Il passo della città

Temi per la metropoli futura

Virgola, n. 113
2015, pp. VIII-134

ISBN: 9788868431693
€ 20,00 -15% € 17,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 17,00
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Per migliaia di anni gli insediamenti sono stati misurati dai passi; con il passus i Romani hanno dimensionato le città e colonizzato il territorio. Questo rapporto, che legava gli abitanti al suolo e il sistema urbano al camminare, si è interrotto nel XX secolo, quando l’espansione della città è dipesa sempre più da infrastrutture stradali fatte per le auto e il camminare è stato represso, con conseguenze profonde sulla qualità urbana. Lo spazio ordinario dei pedoni va riscoperto e riproposto con decisione nelle politiche di rigenerazione urbana, e la questione ambientale va colta nel suo aspetto più oscuro, quello degli scarti e dei rifiuti: se la città della prima modernità esprimeva un progetto, se proiettava in avanti il suo presente, di cui i rifiuti costituivano una componente significativa, la città contemporanea occulta e rimuove i suoi scarti per non vederli; li getta all’indietro piuttosto che in avanti. È questa mancanza di futuro a connotare nel profondo la città del tardo capitalismo; e i rifiuti con la loro oscura immanenza lo testimoniano ovunque. Sia i percorsi pedonali che le filiere di gestione dei rifiuti sono intesi come reti, come infrastrutture ambientali che contribuiscono all’equilibrio e alla qualità dell’ambiente. Tornare alla nozione di rete ci permette di interpretare e intervenire sulla complessa realtà dei territori e delle città. La metafora della rete richiama a sua volta quella del labirinto, che attraversa tutta la storia della città; e se da una parte il mito allude all’intreccio, al mistero, a un futuro oscuro, dall’altra fa riferimento alla scoperta e alla possibile soluzione dell’enigma. Per questo il labirinto è sinonimo di speranza progettuale. La città è un labirinto, ed è proprio questa figura mitica a consentirci di tenere insieme il percorso di trasformazione della città cogliendone il passo.

Autore

Rosario Pavia

Rosario Pavia è professore ordinario di Urbanistica presso la Facoltà di Architettura di Pescara e direttore della rivista «Piano Progetto Città». Tra le sue pubblicazioni: L’idea di città (1994), Babele (2002), Le paure dell’urbanistica (2005), Waterfront (2012). È stato consulente del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti e visiting research associate presso la Northeastern University di Boston e visiting professor presso la Harvard Graduate School of Design.

Recensioni
Patrizia Gabellini, Casa della cultura, 24/09/2016

UN RAZIONALISMO INTRISO DI UMANESIMO

Renzo Riboldazzi, Casa della cultura, 21/09/2015

CITTÀ: E SE RICOMINCIASSIMO DALL'UOMO (E DAI SUOI RIFIUTI)?