Responsive image
Matteo Petracci

I matti del duce

Manicomi e repressione politica nell'Italia fascista

Saggi. Storia e scienze sociali
2014, pp. XVIII-238

ISBN: 9788868431310
€ 33,00 -15% € 28,05
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 28,05
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

Mania politica, schizofrenia, paranoia, isterismo, distimia, depressione. Sono queste le diagnosi che compaiono nei documenti di polizia o nelle cartelle cliniche intestate agli oppositori politici rinchiusi in manicomio negli anni del fascismo. Diagnosi più che sufficienti a motivare la segregazione per lunghi anni o per tutta la vita. Quali ragioni medico scientifiche hanno giustificato il loro internamento psichiatrico? Quali, invece, le ragioni dettate dalla politica del regime contro il dissenso e l’anticonformismo sociale? Molto si è scritto rispetto all’esperienza degli antifascisti in carcere o al confino, ma la possibilità che il regime abbia utilizzato anche l’internamento psichiatrico come strumento di repressione politica resta ancora poco indagata. Attraverso carte di polizia e giudiziarie, testimonianze e relazioni mediche e psichiatriche contenute nelle cartelle cliniche, Matteo Petracci ricostruisce i diversi percorsi che hanno condotto gli antifascisti in manicomio. Alcuni furono ricoverati d’urgenza secondo le procedure previste dalla legge del 1904 sui manicomi e gli alienati; altri vennero internati ai fini dell’osservazione psichiatrica giudiziaria o come misura di sicurezza; altri ancora furono trasferiti in manicomio quando già si trovavano in carcere e al confino. Dall’analisi degli intrecci tra ragioni politiche e ragioni di ordine medico emerge con forza il ruolo giocato dalla sovrapposizione tra scienza e politica nella segregazione di centinaia di donne e di uomini, tutti accomunati dall’essere stati schedati come oppositori del fascismo.

Autore

Matteo Petracci

Matteo Petracci è dottore di ricerca in Storia, politica e istituzioni dell’area euro-mediterranea nell’età contemporanea presso l’Università di Macerata. Ha pubblicato Pochissimi inevitabili bastardi. L’opposizione dei maceratesi al fascismo (il lavoro editoriale, 2009).

Recensioni
Giorgio Dell'Arti, Domenica - Il sole 24 ore, 19/07/2015

STERILIZZARE I PAZZI

Marco Roncacci, Avvenire, 07/07/2015

L'ANTIFASCISTA? METTIAMOLO IN MANICOMIO

Gaia Cacace, Ghigliottina, 18/06/2015

La medicalizzazione del dissenso: i "matti" del fascismo

Corriere adriatico, 12/03/2015

ECCO IL LIBRO DI MATTEO PETRACCI

Corriere adriatico, 12/03/2015

ECCO IL LIBRO DI MATTEO PETRACCI

Marco Rossi, Rivista Anarchica, 09/03/2015

Se ti ribelli sei matto

Il Giornale di Sicilia, 04/03/2015

NOVITA' IN LIBRERIA

Francesco Cassata, L'Indice dei libri del mese, 01/03/2015

Le piccole repubbliche dopo i matti

Luca Pakarov, il manifesto, 29/01/2015

I condannati all'internamento

Gianni Mura, Repubblica.it, 01/01/2015

I cento nomi dell'anno

Antonio Carioti, Il Corriere della Sera, 09/12/2014

Sono matti questi antifascisti

Luigi Giorgi, Europa quotidiano, 29/11/2014

I manicomi al tempo del Duce

Il Messaggero - Marche, 26/11/2014

I MATTI DEL DUCE

Giordano Bruno Guerri, il Giornale, 29/10/2014

Politica e camicia di forza Gli "strani" matti del Duce