Responsive image

Filiere d'Italia

Produzioni e reti dell'agroalimentare

A cura di Federico Callegari, Marco Valentini

Introduzione di Paolo Feltrin

Saggi. Storia e scienze sociali
2014, pp. VIII-312

ISBN: 9788868431136
€ 28,00 -15% € 23,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,80
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Parlare di filiere agroalimentari del made in Italy significa evocare molti temi che riscuotono oggi particolare interesse: cibo, tipicità, territori, sicurezza, sostenibilità ambientale, ma anche imprese, innovazione, mercati (locali e globali). La ricerca presentata in questo volume, tuttavia, evita di mescolare di tutto un po’ e offre invece una lucida valutazione sullo stato delle filiere agroalimentari italiane. Il percorso di analisi prende avvio grazie a una ricca integrazione di fonti statistiche, con lo scopo di misurare il ruolo dell’agricoltura lungo la filiera dei prodotti alimentari, mantenendo come sfondo il confronto internazionale. Diversi gli ambiti considerati, tra cui la struttura delle aziende agricole e agro-industriali, la loro produttività, la competitività internazionale, i canali commerciali. Così, a una visione quantitativa dell’agricoltura se ne è affiancata una qualitativa, che oltre ai numeri guardasse la realtà. Attraverso interviste in profondità a significative industrie nazionali della trasformazione alimentare, si è cercato di dipingere un quadro inedito di otto filiere agroalimentari. Il tratto caratterizzante che ne è emerso è quello di intendere la filiera come uno spazio di relazioni fra attori, che può essere variamente configurato in funzione dei prodotti, delle tecnologie, dei mercati da presidiare. La trattazione non conduce a un unico modello di filiera,ma mostra come esista una varietà sorprendente di assetti, e ammette la compresenza di filiere corte, distrettuali, globali o addirittura glocali. In questo gioco di ricombinazioni, risalta il ruolo fondamentale di soggetti (imprese, ma non solo) che assumono il compito di agenti di filiera, che esercitano un’imprenditorialità volta a coordinare, indirizzare e valorizzare le risorse. Molteplici dunque gli spunti che spingono ad andare oltre, con coraggio, il comune sentire in tema di agricoltura e agroindustria.