Responsive image
Anna Rosa Favretto, Francesca Zaltron

Mamma, non mi sento tanto bene

La salute e la malattia nei saperi e nelle pratiche infantili

Aquilone
2013, pp. XVIII-206

ISBN: 9788868430016
€ 25,00 -5% € 23,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,75
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Cosa pensano i bambini riguardo alla propria salute? Cosa pensano quando si ammalano? A chi si rivolgono quando «non si sentono tanto bene»? A quale età maturano le competenze necessarie per comprendere e per comunicare il proprio «stare male»? Interrogarsi sulle competenze dei bambini e delle bambine in riferimento alla salute e agli stati di malattia significa spostare l’attenzione dai saperi e dalle pratiche posti in essere dagli adulti ai saperi e alle pratiche che i bambini stessi, nella loro quotidianità, imparano a costruire, a negoziare e a utilizzare nella relazione con gli adulti e i propri coetanei. Le loro competenze sembrano comporsi in un percorso complesso attraverso cui i grandi e i piccoli apprendono insieme i significati dell’essere sani e dell’essere malati, il significato dei sintomi utili per identificare e nominare le malattie, le pratiche di cura necessarie per ripristinare lo stato di salute. Il volume si colloca nella prospettiva per cui il diritto alla salute, come tutti i diritti che riguardano i bambini, necessita per la sua attuazione anche della partecipazione dei più piccoli. In esso vengono presentati i risultati di una ricerca sulle competenze che i bambini riconoscono a se stessi, e che gli adulti attribuiscono loro. In particolare, si illustra il confronto tra il punto di vista di bambini e bambine di 7 e 10 anni, e quello delle loro madri e dei loro padri, degli insegnanti e dei pediatri che esercitano nei loro territori di residenza. La ricerca ha evidenziato la presenza già nei più piccoli di competenze riferibili alla comprensione delle più frequenti indisposizioni di cui questi possono soffrire, dei sintomi a cui prestare attenzione, dei farmaci a cui ricorrere, delle figure a cui rivolgersi. Le competenze sono però poco riconosciute dagli adulti, ancorati all’idea di bambino bisognoso delle cure dell’adulto, e al contempo scarsamente dotato, se non sprovvisto, di cognizioni, di capacità e di autonomia rispetto al proprio benessere e alla propria salute.

Autori

Anna Rosa Favretto

Anna Rosa Favretto è professore di Sociologia giuridica, della devianza e del mutamento sociale presso il Dipartimento di Giurisprudenza, Scienze politiche, economiche e sociali dell’Università del Piemonte orientale.

Francesca Zaltron

Francesca Zaltron, sociologa, è membro afferente del Dipartimento di Giurisprudenza, Scienze politiche, economiche e sociali dell’Università del Piemonte orientale.